Cerca nel sito
Saqqara Egitto tomba

Egitto, una nuova tomba a Saqqara

Il sepolcro di un notabile in straordinario stato di conservazione emerge dal sito archeologico

Piramide di Djoser
istockphotos
Saqqara
PERCHÉ SE NE PARLA
Una tomba di straordinaria bellezza, i cui motivi decorativi hanno conservato una sorprendente luminosità e intensità: è stata trovata nella necropoli di Saqqara, a 35 chilometri dal Cairo, la tomba a forma di L di un funzionario egiziano vissuto 4400 anni fa. La scoperta è avvenuta durante gli scavi presso il complesso funerario del faraone Djedkara Isesi, e la posizione adiancente al sovrano, la tipologia di tomba stessa, la qualità delle sue decorazioni fanno supporre che il defunto fosse un notabile, un funzionario di alto rango, una persona molto vicina al faraone stesso. Il suo nome, trovato in un’incisione, è Khuwy. Le straordinarie pitture alle pareti delle camere sepolcrali raffigurano scene di macellazione rituale. 
 
PERCHÉ ANDARE
Il sito archeologico di Saqqara, noto per la sua Piramide a gradoni - la piramide di Djoser, la più antica del Paese – sta acquistando sempre maggior valore man mano che i ricercatori lo esplorano. Questa fu la necropoli reale di Menfi quando la città era capitale del regno, e rimase anche in seguito un’importante luogo di sepoltura. Almeno 3000 anni di storia sono depositati qui, e i ritrovamenti pressoché costanti lasciano indicare che il sito diventerà presto un nuovo importante polo di attrazione turistica. Fra l’altro, la sua vicinanza alla capitale del paese lo rende facilmente visitabile con un’escursione. 
 
DA NON PERDERE
Tra le scoperte più straordinaria, la tomba del sacerdote Wahtye che ha permesso di riportare alla luce ben otto mummie nei loro rispettivi sarcofagi. Ma anche gatti imbalsamati, statue lignee di molti altri animali, pitture e decorazioni di eccezionale valore. La tomba risalirebbe ad un periodo compreso tra il 2500 e il 2300 a.C., e fino ad oggi è arrivata intatta e ben conservata. Tuttavia, molti dei siti da poco riemersi non sono ancora visitabili perché ancora oggetto di scavi.
 
PERCHÉ NON ANDARE
Saqqara è attualmente visitabile, ma solo una minima parte dei suoi tesori sono aperti al pubblico. Probabilmente è meglio attendere che il sito sia pronto a scoprirsi in tutte le sue meraviglie prima di dedicarvi un viaggio appositamente. Chi non è mai stato in Egitto ha già l’imbarazzo della scelta tra Giza, Luxor, Abu Simbel.
 
COSA NON COMPRARE
Spesso i souvenir egiziani sono repliche dozzinali di soliti scarabei, gatti, piramidi in miniatura. Nulla di particolarmente pregiato o imperdibile, e specialmente non originale. L’artigianato ha molto di più da offrire, ma occorre cercarlo al di fuori dei siti turistici. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Egitto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati