Cerca nel sito
Egitto Fayyum cimitero

Egitto, un cimitero a Fayyum

Nell’antica città-oasi tornano alla luce alcune camere sepolcrali

Lago Qarun
istockphotos
Barca sulle rive del Lago Qarun
PERCHÉ SE NE PARLA
A Fayyum, in Egitto, presso il sito archeologico di al-Khalwa, sono stati ritrovati i resti di sepolture risalenti al Medio Regno. Un cimitero composto da tre camere sepolcrali nelle quali gli archeologi hanno ritrovato diverse suppellettili, la parte superiore di una statua di arenaria e una di basalto. È probabile che queste tombe siano state depredate dei loro tesori già in tempi antichi, e che siano anche state riutilizzate per sepolture successive alla loro costruzione. A pochi metri dalla camera sepolcrale era già stata scoperta un’importante tomba, quella del Principe Waji.

PERCHÉ ANDARE
Dove oggi sorge Fayyum un tempo si trovava la città di Crocodilopoli, nome che le deriva dal fatto che in epoca faraonica era dedicata al culto del dio Coccodrillo, Sobek. Dei tempi antichi non rimane molto, se non alcuni blocchi scolpiti e l’area archeologica nella quale attualmente si sta scavando. E' tuttavia un luogo di notevole interesse per lo studio dell’Egitto ellenistico e romano. La città si trova nell’omonima oasi, situata a circa 30 km dalle rive del Nilo e a 130 km a sud del Cairo, sulle sponde del lago Qarun.

DA NON PERDERE
Gli appassionati di storia forse avranno sentito nominare la città per i celebri Ritratti del Fayyum, una serie di circa 600 ritratti funebri che coprivano i volti di altrettante mummie di età romana. Sono tra gli esempi meglio conservati di pittura antica, e offrono realistiche rappresentazioni di defunti realizzate su supporti lignei. Molti di questi ritratti sono stati ritrovati nella zona di Fayoum, ma si trovano dislocati in diversi musei del mondo, tra cui alcuni presso la Pinacoteca di Brera di Milano.

PERCHÉ NON ANDARE
Certamente una visita a Fayyum permette di conoscere un volto dell’Egitto poco noto e lontano dalle mete più classiche dell’antichissimo Paese. Fra l'altro, la location desertica sulle rive del lago offre incantevoli paesaggi. Allo stesso tempo, qui non ci sono di certo le opere più grandiose o emblematiche, e se vi trovate per la prima volta in Egitto non è una tappa imprescindibile.

COSA NON COMPRARE
Il tema dei ritratti si ritrova anche sui souvenir, e vista la location anche molto artigianato beduino. Evitate i soliti oggetti a forma di Sfinge e scarabeo.
 

Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Egitto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100