Cerca nel sito
Egitto Luxor scoperta archeologia

Egitto, scoperta un'antica "fabbrica" reale

Luxor si trova a sud del Cairo e a nord di Assuan, dove un tempo sorgeva l'antica città di Tebe, capitale dell'Egitto al tempo del Medio Regno...

Luxor, Egitto
©iStock
Luxor, Egitto
PERCHE' SE NE PARLA
Scoperta in Egitto, esattamente nella Valle delle Scimmie di Luxor, un'antica fabbrica che veniva utilizzata ai tempi dei faraoni per produrre oggetti decorativi per tombe reali, mobili e ceramiche. Questa sembra contasse trenta officine e un grande forno per la cottura. E ogni laboratorio aveva uno scopo diverso: "Alcuni sono stati usati per realizzare ceramiche, altri per produrre manufatti d'oro e altri ancora per fabbricare mobili", ha spiegato l'archeologo Zahi Hawass, responsabile dei lavori. All'interno del sito, che si estende per circa 75 metri, sono state trovate perle di intarsio, anelli d'argento e lamine d'oro: tutti oggetti che venivano comunemente usati per decorare le bare di legno dei reali.

PERCHE’ ANDARCI 
Luxor si trova a sud del Cairo e a nord di Assuan, dove un tempo sorgeva l'antica città di Tebe, capitale dell'Egitto al tempo del Medio Regno. È un centro molto importante dal punto di vista archeologico. Sia perché nella città ci sono il tempio di Luxor, dedicato a Amon, e il Grande tempio di Amon a Karnak, dedicato al culto del dio Amon-Ra, sia perché nelle vicinanze ci sono i siti archeologici della Valle dei Re e della Valle delle Regine. L'intera necropoli di Giza è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità sin dal 1979. 

DA NON PERDERE 
La Grande Sfinge di Giza è una scultura di pietra calcarea situata nella Necropoli di Giza, raffigurante una figura mitologica con la testa di un uomo e il corpo di un leone. Si tratta della più grande statua monolitica tra le sfingi egizie: è lunga 73 metri, alta 20 e larga 19 metri. La sola testa ha un'altezza di 4 metri. 

PERCHE’ NON ANDARE
La situazione è molto tesa nella penisola del Sinai con particolare riferimento alla regione al confine con la Striscia di Gaza, teatro di recenti e frequenti attacchi terroristici contro postazioni delle forze di sicurezza egiziane e contro luoghi di culto da parte di ben organizzate cellule jihadiste attive in quell’area da tempo.
 
COSA NON COMPRARE
Tra vasi, decorazioni, portagioie, gioielli, riproduzioni di monumenti storici e arabeschi portafortuna, da evitare ci sono giusto le tazze e le magliette bianche brandizzate. Mica poco.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati