Cerca nel sito
Egitto necropoli Tuna el gebel

Egitto, scoperta una ‘nuova’ necropoli

Assolutamente intatta, fino ad oggi mai conosciuta: la necropoli dei sacerdoti del dio Thot

iconografia egiziana
istockphotos
Egitto
PERCHE’ SE NE PARLA
L’Egitto non smette mai di stupire. Il Paese che un tempo fu patria di un regno vastissimo e ricchissimo custodisce nelle sue viscere ancora tantissimi segreti. A pochi chilometri da Tuna el-Gebel, necropoli dell’antica città di Khmun – nota anche con il nome greco di Hermopolis Magna, è stata rinvenuta un’altra ricchissima necropoli. Completamente intatta, mai conosciuta fino ad oggi, custodisce le tombe di sacerdoti del dio Thot (il cui centro di culto era proprio Khmun). La necropoli è composta da svariati cunicoli e stanze, e ospita diverse tombe familiari. Gli scavi sono ancora all’inizio, e si prospettano ancora diversi anni di approfondimenti e ricerche, ma per ora la scoperta più rilevante (oltre alla presenza stessa della necropoli) sono le tombe di due sacerdoti di alto rango, con le relative sepolture di membri della famiglia, e migliaia di statuette a corredo funebre. Sono 8 le tombe dissotterrate sino ad ora, con circa 40 sarcofagi e mummie al loro interno. 
 
PERCHE’ ANDARE
Lo scorso anno a Tuna el-Gebel (a volte Tuna al-Gabal) sono state rinvenute altre 30 sarcofagi e mummie. Già note le catacombe dove sono stati ritrovati migliaia di animali imbalsamati, tra cui falchi, babbuini e ibis, uccelli sacri al dio Thot, che viene rappresentato con la testa del volatile. Questa ulteriore scoperta conferma il ruolo importante che l’antica città di Khmun aveva nel regno egiziano, e presto, si augurano le autorità egiziane, questa località diventerà un nuovo polo di attrazione del turismo.
 
DA NON PERDERE 
Situata nel Medio Egitto, la necropli di Tuna el-Gebel offre interessanti visite alle catacombe, e alla massiccia Stele di Akhenanten, incisa nella parete rocciosa che segna il confine fisico della città.
 
PERCHE’ NON ANDARE
Non si tratta di una meta ricca come Luxor, Assuan, Giza. E se siete interessati alla storia dell’Egitto ci sono certamente località che offrono molto di più di Tuna el-Gebel. Inoltre i servizi turistici sono ancora molto scarsi. Ma le continue scoperte potrebbero proiettarla ben presto nei nuovi circuiti di visite archeologiche.
 
COSA NON COMPRARE
Letteralmente onnipresenti in qualsiasi località anche vagamente turistica egiziana i souvenir a forma di gatto, scarabeo, piramide, cammello e sfinge. Prima di acquistarli perlomeno verificate appartengano all’immaginario della località in cui vi trovate e magari siano stati realizzati entro i confini nazionali. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Egitto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100