Cerca nel sito
Egitto Cairo Eliopoli Al Matariyya

Egitto, ritrovato il podio rituale di Ramses II

Sul sito dell'antica Eliopoli, un podio dove sedeva il grande faraone in occasioni speciali

Panorama del Cairo
istockphotos
Il Cairo
PERCHE’ SE NE PARLA
Continuano le scoperte nell’area di Al-Matariyya, nel distretto del Grande Cairo, in Egitto. In particolare, sono conclusi gli scavi che hanno riportato alla luce un podio della XIX dinastia, datato all’epoca del celebre faraone Ramses II. Un podio rituale, sul quale con ogni probabilità svettava il trono, che non utilizzò solo il famoso regnante, ma tutta la dinastia a seguire. Il podio, in pietra e perfettamente conservato, con tanto dei gradini per accedervi, veniva utilizzato per la celebrazione dell’Heb-Sed, un antico rituale tra i più importanti della storia egizia, e si trovava all’interno di un grande palazzo reale. Con l’occasione, si celebrava il faraone stesso e la sua longevità da regnante.
 
PERCHE’ ANDARE
L’Egitto è la destinazione per eccellenza di chi è appassionato di archeologia. Accanto ai ‘classici’, come le Piramidi di Giza e Luxor, vi sono siti archeologici più piccoli e meno noti, fra cui diversi attorno alla zona del Cairo. Al-Matariyya è infatti un quartiere a nord della capitale egiziana, e un tempo corrispondeva all’antica e splendida Eliopoli. Qui sono stati trovati un tempio dedicato ad Ra-Atum, un colosso di Ramses, tombe sotterranee, e il grande obelisco oggi simbolo del quartiere. Accanto al podio, gli studiosi hanno ritrovato oggetti di diversa natura: amuleti, scarabei rituali, vasi, frammenti con iscrizioni. 
 
DA NON PERDERE
Come testimoniano gli scavi archeologici, verso i quali l’interesse si è intensificato negli ultimi 50 anni, distretto di Al-Matariyya ebbe un ruolo molto importante all’epoca dei faraoni. Oggi i resti nell’area non sono ancora visitabili per buona parte, ma è stato allestito un museo all’aperto per chi volesse ammirare alcune stele e frammenti con incisioni geroglifiche. Si tratta perlopiù di una passerella coperta, ma al momento è il modo migliore di approfondire la storia di Eliopoli.
 
PERCHE’ NON ANDARE
L’industria del turismo in Egitto ha subito un terribile contraccolpo in seguito ad attentati terroristici e instabilità politica. La ripresa è molto lenta, e ancora oggi i servizi non sono tornati al massimo splendore. In compenso si cerca di ri-attirare i visitatori attraverso annunci continui di scoperte archeologiche, ma trattandosi di siti minori questo marketing non sta dando grandi frutti. 
 
COSA NON COMPRARE
L’Egitto offre un’ampia scelta di artigianato locale, oltre che tè, spezie, aromi. Anziché i souvenir dozzinali (statuette di gatti, scarabei e mini piramidi) optate per i prodotti locali.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Egitto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100