Cerca nel sito
Egitto Il Cairo Luxor Mummie Musei

Egitto, il mistero della mummia con i tatuaggi 

Una donna vissuta 3000 anni fa con oltre 30 disegni particolari e nascosti: uno dei tanti misteri dell'incredibile Luxor

Luxor, Egitto
©iStockphoto
Luxor
PERCHE' SE NE PARLA Rinvenuta in Egitto una mummia davvero particolare: oltre 30 i tatuaggi eseguiti in tempi diversi su di una donna vissuta tra il 1300 e il 1070 a.C. Anne Austin, bioarcheologa dell'Università di Stanford, in California, se n'è accorta mentre esaminava le mummie dell'Istituto francese di Archeologia Orientale, che conduce le sue ricerche a Deir el-Medina. L'ipotesi è che i disegni, alcuni dei quali in punti molto sensibili e nascosti, servissero a celebrarne l'importanza. Alcuni di questi, inoltre, sono più antichi di altri: segno che il suo prestigio dovette crescere con il passare del tempo. 

Leggi anche: MONGOLIA, IL MISTERO DELLA MUMMIA CON LE SCARPE DA TENNIS
 
PERCHE’ ANDARCI Deir-el-Medina è un piccolo villaggio abitato da operai  addetti all'allestimento delle tombe dei faraoni, si trova nell’area archeologica di Luxor. Fuori dell’abitato era l’area consacrata alle sepolture monumentali, di cui le più particolari costituite da una cappella decorata da pitture; collegate a questa una zona dove erano deposti i sarcofagi. Nel 3° sec. a.C. fu costruito un tempio di pietra dedicato a Hator.
 
DA NON PERDERE Luxor, la Valle dei Re, è uno dei luoghi più belli di tutto l'Egitto: qui potrete visitare tra le altre la tomba di Tutankamon, scoperta praticamente intatta nel 1922, e la tomba di Ramsete IV. Tra cuniculi e scale, geroglifici e tombe antichissime, ricordate che un biglietto dà accesso a tre delle 63 tombe presenti; la tomba di Tutankamon richiede un biglietto a parte, ma per ammirarne i tesori dovrete raggiungere il Museo Egizio del Cairo
 
PERCHE’ NON ANDARCI Al confine con il Sudan si riscontrano notevoli difficoltà nell'attraversamento della frontiera per chi viaggia con mezzi propri. Nel Sinai settentrionale sono in corso importanti operazioni militari per contrastare un’intensa attività terroristica. Si sconsiglia l’ingresso attraverso il Valico di Rafah, nonché i viaggi nella regione tra il Gebel Al Uweynat ed il Gilf El Kebir, nel sud ovest del Paese. 
 
COSA NON COMPRARE Tanti i venditori abusivi che affollano i siti turistici, soprattutto nei pressi delle piramidi: basta fermarsi un attimo per essere circondato da tutti gli altri. Inoltre la qualità dei souvenir è davvero bassa, mentre il prezzo neanche tanto conveniente. Meglio salvare qualche moneta da dare ai controllori dei siti turistici, che vi permetteranno così qualche extra.
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati