Cerca nel sito
Cipro Mediterraneo scoperta archeologia

Cipro, scoperte sott'acqua 800 antiche anfore romane  

Questi antichi reperti confermano il naufragio del VI secolo d.C. al largo della baia di Akrotiri-Dreamers

Cipro, isola
©iStock
Cipro, isola
PERCHE' SE NE PARLA
Scoperte nelle acque di Cipro 800 anfore romane risalenti alla fine del VI o VII secolo d.C., sparse su un'area di circa 130mila mq. Queste confermano il naufragio di un'importante nave nelle acque dell'antico porto di Akrotiri-Dreamer's Bay,  sulle rive meridionali della penisola di Akrotiri. La ricerca, condotta dallo staff dell'Università di Southampton, Centro per l'Archeologia marittima, nell'ambito dell'Antico Akrotiri Project, un progetto di ricerca collaborativa in corso sulla penisola condotto dal 2015 e condotto dall'Università di Leicester.
 
PERCHE' ANDARCI
Cipro è la terza isola del Mediterraneo, subito dopo Sicilia e Sardegna in ordine di grandezza. Dista 75 km dalla costa turca e 100 km da quella siriana. Qui mondo classico e tradizione greca si alternano alla cultura turca che domina la parte nord dell'isola. La parte antica di Nicosia, la sua capitale, è circondata da mura e costellata da monasteri bizantini e castelli. Si tratta di uno dei pochi centri da visitare per le bellezze architettoniche e storiche.
 
DA NON PERDERE
Questa isola possiede tre siti tutelati dall’UNESCO. Choirokoitia era un insieme urbanistico risalente al Neolitico; le dieci Chiese dipinte sono risalenti all’epoca bizantina, tra l'XI e il XVI secolo, disseminate nella catena montuosa dei Monti Troodos; Pafo, antica città portuale, è invece famosa per la presenza di un santuario dedicato ad Afrodite che, secondo gli antichi, nacque proprio qui.
 
PERCHE' NON ANDARCI 
Nella parte non controllata dalle autorità della Repubblica di Cipro sono presenti basi militari turche e numerose aree militari nelle quali è sempre vietato entrare.  È bene fare quindi attenzione ai cartelli che segnalano le zone interdette. L’isola ospita inoltre due basi militari a sovranità britannica, Akrotiri e Dekhelia, che limitano, in alcune parti, la libera circolazione.
 
COSA NON COMPRARE 
La cultura ellenistica si ripropone anche sui souvenir, con vasi e piatti dalle decorazioni molto variegate, dal classico al bizzarro. E poi tante calamite, ovviamente. Ma anche i sandali, per lo meno utili e freschi. Bruttini i grembiuli da cucina con l'isola disegnata: c'è molto di meglio.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Cipro
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati