Cerca nel sito
Cina Shanxi Scoperta Archeologia

Cina, scoperta un'antica città con piramidi e teschi

Questa risalirebbe a circa 4mila anni fa e si trova nella provincia dello Shanxi. 

teschi umani
©iStock
teschi umani
PERCHE' SE NE PARLA
Scoperta in Cina un'antica città perduta sulla cresta del fiume Tuwei, nella provincia dello Shanxi, che avrebbe prosperato più di 4000 anni fa. Qui è stata trovata un'enorme piramide che un tempo fungeva da centro del palazzo. Ma sono stati rinvenuti anche i resti delle mura difensive in ??pietra, degli strumenti per la costruzione di attrezzi, nonché diversi pozzi pieni di teschi umani. Migliaia di anni fa, quando fiorì, dal 2300 a.C. circa al 1800 a.C., la città si estendeva su 4 chilometri quadrati. 

Questa antica città ospitava una piramide alta almeno 70 metri, protetta da un'enorme parete interna ed esterna. Gli 11 enormi gradini si assottigliano mentre salgono. Qui è stata trovata anche un'ampia piazza dove probabilmente si tenevano rituali e raduni politici. Secondo i ricercatori le élite dominanti vivevano in cima al complesso della piramide. Occhi e volti antropomorfi di pietra sono stati trovati scolpiti nella facciata della piramide.

PERCHE' ANDARCI  
Per un tour perfetto nella regione dello Shanxi non si può non partire da Xi’an, famosa soprattutto per il suo esercito di terracotta. Si tratta di uno straordinario insieme di statue (7000 tra soldati, arcieri e cavalli) collocato nel Mausoleo del primo imperatore cinese Qin Shi Huang (260 a.C. – 210 a.C.) a Lintong. Xi’an fu capitale di ben 13 dinastie: con i suoi 3.100 anni di storia alle spalle, rappresentava la fine più orientale della Via della Seta. Da fotografare le sue mura antiche, alte ben 12 metri e lunghe fino a 14 sulla sommità.

Da non perdere, in questa regione, anche il monte Hua, una delle cinque grandi Montagne sacre cinesi. Il Longzhou Canyon, invece, è una formazione di roccia arenaria che si trova a sud est di Longzhou, e racconta una storia di 60 milioni di anni. A Baoji c'è invece il Tempio Famen, uno dei primi edifici buddisti di questo tipo in Cina, costruito nel II secolo d.C. per ospitare un osso di un dito del Buddha storico. 
 
DA NON PERDERE 
Per gli amanti dell'archeologia, c'è anche il Museo dello Shanxi, il principale museo per lo studio e la raccolta dei materiali di valore storico e artistico provenienti da questa provincia. Contiene oltre 200 mila artefatti, e le sue collezioni del museo sono conosciute come "l'anima di Jin" (Jin è l'abbreviazione dello Shanxi), divise in 7 aree tematiche a carattere storico e 5, invece, relative all'arte. Le esibizioni del museo coprono un periodo storico che parte dal Neolitico. 

PERCHE’ NON ANDARCI 
La provincia dello Shaanxi dista poco da Pechino, ma molto da Shanghai. A meno che non abbiate a disposizione tempo e denaro, sarà difficile conciliare il tutto. Non essendo una zona particolarmente turistica, però, non c'è la stessa attenzione per il visitatore. E potrete riscontrare anche qualche problema con la lingua, cosa non da poco.

COSA NON COMPRARE 
Nel mercato dei souvenir la Cina non propone solo draghi e guerrieri antichi, ma anche maschere teatrali, lanterne di carta e riproduzioni dorate del Buddha. Si possono acquistare, anche, i panda di peluche, uno dei principali simboli del Paese. Anche in versione copricapo, con tanto di orecchie. Da acquistare solo se avete la scusa dei bambini.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Cina
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100