Cerca nel sito
Bulgaria tomba tumulo Maltepe Plovdiv

Bulgaria, c'è un passaggio sotto l’antica tomba

Una tomba di epoca romana utilizzata per scopi tutt'altro che commemorativi

Plovdiv Bulgaria
istockphotos
Plovdiv
PERCHÉ SE NE PARLA
Il villaggio di Manole, in Bulgaria, è finito sotto i riflettori dell’archeologia mondiale quando, alcuni anni fa, gli studiosi hanno riportato alla luce una monumentale tomba di epoca romana, nota come Tumulo di Maltepe. Si tratta di un’imponente monumento funerario le cui fattezze evocano l’architettura delle province romane mediorientali, risalente al terzo secolo. Gli scavi, non ancora del tutto conclusi, hanno di recente riportato alla luce un tunnel sotto l’antica tomba. Una scoperta meno affascinante di come suona, perché il passaggio non conduce ad alcuna stanza segreta, bensì risale alla prima metà del 1500 ed era con ogni probabilità una via di fuga per ladri di bestiame. Attraverso il tunnel si riusciva infatti a far passare gli animali in breve tempo scomparendo dalla visuale. 
 
PERCHÉ ANDARE
La tomba a tumulo di Maltepe sarà visitabile solo quando gli scavi giungeranno alla completezza. In ogni caso, a pochi chilometri dal sito si trova la splendida città di Plovdiv, che vale da sola il viaggio. La città è Capitale della cultura 2019 (assieme alla nostrana Matera), ed ha una storia ricchissima. Anticamente battezzata Filippopoli, fu la storica capitale della Tracia. Romani, Macedoni, Goti, Unni, Bizantini, Bulgari, Turchi, Armeni: tantissimi popoli sono passati di qua, lasciando un’importante eredità storica nella città. Il centro storico è antico e pittoresco, e il centro culturale Trakart conserva preziosi mosaici del III secolo. Per un’infarinatura generale, il Museo Archeologico della città custodisce reperti di tutte le numerose epoche in cui la città è stata abitata.
 
DA NON PERDERE
I resti dell’antico foro romano sono spettacolari, così come il grande anfiteatro, l’ippodromo, diversi monumenti. Il passaggio dei romani ha regalato a Plovdiv alcuni degli scorci più belli e interessanti della Bulgaria, armonicamente integrati con il centro abitato sviluppatosi in epoche successive. Poche località dell’est Europa possono vantare rovine tanto pittoresche nel pieno del proprio centro storico.
 
PERCHÉ NON ANDARE
Non esistono molte connessioni dirette tra Plovdiv e l’Italia. Solo le rotte in partenza da Milano permettono di viaggiare comodamente, ma non tutti i giorni della settimana. Inoltre, l’essere stata insignita del titolo di Capitale della Cultura ha visto i suoi prezzi aumentare e l’atmosfera diventare un poco meno autentica in favore del turismo internazionale. 
 
COSA NON COMPRARE
I souvenir sono piuttosto kitsch, e spesso giocano con cliché del ‘tipico’ bulgaro che indossa abiti tradizionali. Potete decisamente evitarle. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100