Cerca nel sito
Bolzano Alto Adige scoperta archeologia

Bolzano, sulle tracce del mito di Otzi

L'uomo preistorico venuto dal ghiaccio è stato ritrovato proprio qui: all'ArcheoParc Senales è possibile scoprire la vita e la storia di questo uomo preistorico

bolzano
iStock
bolzano
PERCHE' SE NE PARLA
Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio, trascorse gli ultimi giorni della sua vita nei dintorni di Bolzano, fino a essere colpito mortalmente da una freccia sul dorso. A distanza di 5.300 anni, gli archeologi sono ancora impegnati nel risolvere il mistero che avvolge la sua morte.Secondo una nuova analisi effettuata sui resti di muschi provenienti dal sito in cui l’Uomo del Similaun fu ucciso, Ötzi fu ucciso solo un’ora dopo aver assunto l’ultimo pasto a base di stambecco essiccato, carne di cervo e farro monococco. Gli esperti hanno poi dimostrato che l’uomo, circa 40enne, quando morì soffriva probabilmente di dolori allo stomaco e aveva un taglio profondo alla mano destra, fra indice e pollice.
 
PERCHÉ ANDARCI
La Val Senales propone panorami indimenticabili e tante opportunità per divertirsi e rilassarsi. Inoltre Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio, è stato ritrovato proprio qui. E all’ArcheoParc Senales è possibile scoprirne la vita e la storia. Al comprensorio sciistico del ghiacciaio di Val Senales, invece, gli sportivi troveranno condizioni perfette per praticare sci e snowboard già nei mesi autunnali, mentre in estate potranno scegliere una delle numerose escursioni che si snodano su oltre 300 chilometri di sentieri tracciati.
 
DA NON PERDERE
Arroccato su un’altura nella splendida val Venosta, svetta Castel Juval. Nel maniero trova spazio il museo che Reinhold Messner ha voluto dedicare al "mito" della montagna. Il museo custodisce una raccolta di dipinti con vedute delle grandi montagne sacre, una preziosa collezione di cimeli tibetani e di maschere provenienti dai cinque continenti, la stanza Tantra ed in cantina gli equipaggiamenti delle spedizioni di Reinhold Messner. 
 
PERCHE’ NON ANDARCI 
Bolzano è terra di natura, relax e montagna: meta affascinante ed entusiasmante, ma che offre poco a livello di divertimento notturno. 
 
COSA NON COMPRARE 
Le famose scarpe imbottite del posto, arricchite con ricami colorati, non sono decisamente il massimo. Va ricordato che in Alto Adige c'è una antica tradizione nel tessere, intagliare il legno, ricamare e a lavorare la maglia e i tessuti. Quindi le alternative non mancheranno. 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati