Cerca nel sito
Belize America scoperta archeologia

Belize, scoperte ossa di un bradipo preistorico gigante

Si trovavano in un cenote, a 20 metri di profondità, vissuto 27mila anni fa. Ma si aspettano ancora altre sorprese...

Belize, mare, America centrale
iStock
Belize, mare, America centrale
PERCHE' SE NE PARLA
Scoperti in un cenote del Belize, in America Centrale, i resti fossili di un colossale bradipo preistorico. Questo sarebbe vissuto 27mila anni fa e apparteneva alla specie Eremotherium laurillardi, che raggiungeva le dimensioni di 6 metri di lunghezza, 4 di altezza e più di 6 tonnellate di peso. A individuare questi resti è stato un team di studiosi americani. Questi erano stati allertati da un'altra squadra che, analizzando il sinkhole alla ricerca di manufatti Maya, ha scoperto per caso queste ossa. I paleontologi sono scesi fino a 20 metri di profondità nella dolina, per scoprire così un dente lungo circa 10 centimetri, una parte del femore e un osso delle zampe anteriori. Molto probabilmente sul fondo del cenote, che raggiunge i 60 metri, si trovano altri preziosi reperti. Ancora da scoprire.

PERCHE’ ANDARCI 
Il Belize è un Paese dell'America Centrale affacciato sul mar dei Caraibi. Qui si possono esplorare giungle lussureggianti con piante e animali esotici, e praticare attività sportive quali pesca d'altura, nuoto, snorkeling e immersioni. Si tratta di uno dei Paesi con il più alto tasso di biodiversità grazie alla conservazione delle sue risorse naturali: oltre il 90% del territorio è ricoperto da foreste incontaminate e protetto da una delle barriere coralline più belle al mondo. Circa il 40% del territorio, inoltre, è coperto da riserve di vario tipo, tra parchi marini e quelli nazionali, per un totale di 94 aree protette, compresi 16 parchi nazionali. 

DA NON PERDERE
Un’altra grande attrattiva del Belize è la sua ricchezza archeologica. Xunantunich è uno dei siti più interessanti, costruito dalla civiltà Maya, a 130 km da Belize City. Il suo nome significa donna di pietra nella lingua Maya, e fa riferimento al fantasma di una donna dagli occhi infuocati, che sembrerebbe abiti nel sito sin dal 1892. Molte delle strutture vennero costruite tra il 200 e il 900 e furono danneggiate da un terremoto, che probabilmente causò l’abbandono della zona. Conta ben 26 templi e palazzi, ma la piramide conosciuta come El Castillo è la struttura principale: la seconda più alta del Belize, dopo il tempio di El Caracol, con i suoi 40 metri d’altezza. 
 
PERCHE’ NON ANDARCI 
Durante la stagione dei cicloni, molto frequenti nel periodo tra giugno e novembre, si possono produrre forti disagi o situazioni di emergenza. Inoltre è fortemente sconsigliato recarsi nelle zone a ridosso del confine con il Guatemala, dove si sono verificati negli ultimi anni scontri a fuoco.
 
COSA NON COMPRARE 
Oltre alle brutte magliette che si trovano in giro, molto particolari le penne dal design maya e le stoffe ipercolorate. E poi ancora piccole borse in tessuto, cimeli tribali e grandi conchiglie. Tra le cose più brutte da comprare, i bicchierini per l'alcol con la mappa geografica: trovare una cosa più asettica è davvero complicato.
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Belize
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100