Cerca nel sito
Giorgio Faletti Funerali Asti Torino Piemonte 

Asti, l’ultimo saluto a Giorgio Faletti

Le ultime ore per salutare l’eclettico artista piemontese: oggi pomeriggio la camera mortuaria, domani alle 15 i funerali.

Asti, Piemonte
Courtesy of @Google
Asti
PERCHE’ SE NE PARLA Sarà allestita a pomeriggio,a partire dalle tre, al Teatro Alfieri di Asti la camera ardente di Giorgio Faletti, uno degli artisti più ecclettici d’Italia: cabarettista, cantante e scrittore. Morto venerdì mattina a Torino all'età di 64 anni, al termine di una lunga battaglia contro un tumore, gli si potrà far visita sino a domani mattina. I funerali, invece, si terranno invece martedì alle ore 15, nella Collegiata di San Secondo, dove la salma sarà trasferita in corteo dal vicino teatro. Ad Asti martedì sarà lutto cittadino. 

PERCHE’ ANDARCI Diversi sono i monumenti che caratterizzano il bellissimo centro storico di Asti. Si parte dalla Cattedrale di Santa Maria Assunta e San Gottardo, ritenuta da molti la più importante testimonianza dell'arte gotica in Piemonte. Il centro storico ruota attorno a Corso Alfieri, ottimo luogo di shopping, sino a raggiungere Piazza San Secondo, caratterizzata dalla chiesa romanico-gotica di San Secondo, patrono di Asti, che conserva affreschi del Quattrocento e un reliquiario cinquecentesco contenente le ossa del martire astigiano.
 
 DA NON PERDERE Tra i principali edifici medievali sono da menzionare la Torre Asinari, la Torre Comentina, la Torre Guttuari, la Torre e il Palazzo Gazzelli, la Torre De Regibus, la Torre e i Palazzi Natta, la Torre Quartero, la Torre Solaro, la Torre civica. E poi, sempre di origine medievale, da ricordare Palazzo Catena, Palazzo Zoya, lo stesso Palazzo del Comune. La Torre Comentina di Piazza Roma, infine, con i suoi circa 38 metri di altezza risulta la più alta della regione. 
 
PERCHE’ NON ANDARCI Più che delle motivazioni per non andarci, il consiglio è di vivere la città a settembre: ogni anno, in questo mese, vi si tiene uno dei concorsi enologici più importanti d'Italia, denominato la Douja d'Or, e il suo famoso Palio storico, manifestazione tra le più antiche d'Italia, che culmina con una corsa di cavalli montati "a pelo" (senza sella).
 
COSA NON COMPRARE Tra i migliori prodotti tipici astigiani la robiola di Roccaverano, la Muletta ,un salame grosso fatto di pancetta, filetto, coscia, spalla disossata e sgrassata. Oltre che grappe e spumanti. A meno che non vogliate portarvi a casa un’autentica Fiat locale. Poco consigliato, in tempo di crisi. 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100