Cerca nel sito
HOME  / gusto
Sagre Puglia Zampina di Sammichele di Bari

Puglia, profumo di zampina alla brace

La tipica salsiccia arrotolata protagonista della sagra di Sammichele di Bari

Salsiccia arrotolata
Wikipedia
Salsiccia arrotolata
Antico borgo delle basse Murge, Sammichele è circondato da masserie e allevamenti. Il paesino alle porte di Bari è conosciuto per la zampina, tipica salsiccia arrotolata a spire consumata cotta sulla brace. L’ultima settimana di settembre, ha luogo una sagra dedicata a questa specialità: la sagra della zampina, del bocconcino e del buon vino.
 
Leggi anche: UVA PIZZUTELLA, LA PUGLIA IN TAVOLA (Stile.it)
 
Il prodotto, così chiamato perché più piccolo del più conosciuto zampone, venne definito da Luigi Veronelli “un cibo omerico”. La zampina è un impasto di carne tritata, ottenuto con primo taglio di bovino mischiato a ritagli di ovino e suino. L’impasto viene poi condito con pomodoro, formaggio, basilico, peperoncino, pepe e sale; e infine insaccato nelle budella di agnello o capretto. Ogni macellaio del paese personalizza questo prodotto tipico modificando dosi e spezie all’interno dell’impasto. È dunque possibile trovare al posto del timo selvatico, basilico o prezzemolo. Massaie dedite alla tradizione culinaria raccontano che nell’impasto può essere utilizzato vino bianco o cognac.
 
ZAMPINA: AROMI TIPICI PUGLIESI IN UNA “PICCOLA” SALSICCIA
 
Le dimensioni della zampina vanno dai 70 ai 100 centimetri per chilogrammo. Ma per cuocerla viene tagliata in dimensioni più piccole. È commercializzata come prodotto sfuso o in vaschette. Nata nel 1967, la Sagra della zampina ha già raggiunto il traguardo dei cinquant’anni. A volerla è stato il professore Dino Bianco, già fondatore del museo della civiltà contadina, per promuovere e commercializzare i prodotti tipici di Sammichele. Ogni anno la sagra viene organizzata dall’associazione di macellai “Carboni Ardenti”. 
 
 
La zampina, presente con i suoi aromi diffusi per le vie del paese dalla cottura allo spiedo o alla brace, viene tradizionalmente servita con olive sedani e latticini. Ma non mancano altre eccellenze gastronomiche locali come le ghiemmeriedde (involtini di interiora) e le facazze a livre (rotolo di pasta di pane condito con olio, olive nere, sale e origano). La 51° edizione della sagra si svolgerà dal 30 settembre al 1 ottobre.
Tanti gli artisti che animeranno le serate con spettacoli e musica in piazza Vittorio Veneto. Sabato è previsto il concerto di Renzo Arbore con l’Orchestra Italiana. Domenica 1 ottobre è previsto il dj Albertino di Radio DEEJAY in collaborazione con Praja di Gallipoli.
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati