Cerca nel sito
HOME  / gusto
sicilia prodotti tipici ricette itinerari gastronomici

Pasta alla Norma, bontà "lirica" catanese

La ricetta, dedicata alla celebre opera del Bellini, è uno dei primi piatti più amati della cucina siciliana

pasta alla norma sicilia ricetta
Courtesy of ©Paoletta S./Wikimedia Commons CC BY SA 2.0
Pasta alla Norma
Sapori mediterranei e ingredienti semplici e genuini fanno dellapasta alla Normauna di quelle ricette in grado di conquistare i palati dei buongustai di ogni latitudine. Non è un caso, dunque, che questa specialità della tradizione catanese sia diventata, oggi, uno dei primi piatti siciliani più noti in tutto lo Stivale.

LA TRADIZIONE
Considerando gli ingredienti che la compongono, appare alquanto strano che, in tutto il Meridione, non venisse preparato un primo piatto condito con pomodoro e melanzane prima dell'invenzione della pasta alla Norma. Ed infatti, probabilmente, la tradizione di condire la pasta con un sugo a base di melanzane era già diffusa in Sicilia e non solo quando, a Catania, nacque la deliziosa ricetta oggi conosciuta in tutta Itala. Si può affermare con una certa sicurezza, però, che la versione catanese sia quella che più di ogni altra abbia fatto storia, al punto da creare anche una piccola diatriba su quelle che sono state le sue origini e sul motivo della dedica del piatto alla omonima nota opera del Bellini.C'è chi sostiene, infatti, che l'omaggio al compositore sia di parecchio successivo alla presentazione dell'opera e che sia stata un'idea del commediografo Nino Martoglioche, davanti ad un delizioso piatto di pasta con le melanzane, ne decantò l'impeccabile esecuzione paragonandolo ad “una Norma”, ossia ad un vero e proprio capolavoro. Secondo altri, invece, il legame della ricetta con l'opera sarebbe ancor più stretto. Si narra, infatti, che uno chef catanese, in occasione della presentazione dell'opera del Bellini, reinterpretò, perfezionò e mise a punto la ricetta da servire, forse, in occasione di un evento di cui il compositore catanese era ospite.

LA DENOMINAZIONE
Esistono, in realtà, anche teorie che mettono in dubbio l'intenzione di omaggiare l'opera del Bellini con la scelta del nome della ricetta. C'è chi sostiene, infatti, che il riferimento alla “norma” fosse in realtà generico ed intendesse, in realtà, descrivere semplicemente una preparazione fatta “a puntino”. Le più accreditate ricostruzioni, però, sembrano tutte concordi nel confermare il legame del nome della ricetta con quello della Norma belliniana.

LE CARATTERISTICHE
La pasta alla Norma è, dunque, un primo piatto condito con un sugo di pomodoro e melanzane. Sebbene possa essere preparata con diversi formati di pasta, generalmente si prediligono i maccheroni. Il condimento prevede l'utilizzo di ingredienti semplici come il pomodoro, le melanzane, il basilico e la ricotta salata. Per quanto riguarda le melanzane, la ricetta originale richiede che venganofritte nell'olio extravergine di olivae tagliate a fettine, cubetti o listarelle sottili prima di essere aggiunte al condimento, sebbene, con l'evoluzione della ricetta, dei gusti e delle abitudini alimentari, si sia oggi diffusa l'usanza di cuocerle sulla griglia.

LA PRODUZIONE
Anche se la pasta alla Norma è, a tutti gli effetti, una specialità della tradizione catanese, la ricetta ben presto si diffuse in tutta la regione diventando uno dei primi piatti emblematici della cucina siciliana. Oggi, il suo mix irresistibile di profumi e sapori mediterranei, l'ha reso un piatto conosciuto e preparato in tutta Italia e non solo. Nel corso del tempo si è persino diffusa l'usanza di preparare una pizza con lo stesso condimento.

LA CULTURA
A differenza della ricetta ad essa dedicata, che conquistò immediatamente sin dal primo assaggio, l'opera del Bellini non godette da subito di grandi consensi. Nonostante, però, un esordio alla Scala in sordina, divenne poi uno dei più grandi successi del compositore siciliano. Successo che ha da sempre contraddistinto anche il suo “alter ego” culinario al quale, infatti, oggi, è dedicata anche una giornata celebrativa, la Giornata Nazionale della Pasta alla Norma, che coincide con l'anniversario della scomparsa di Vincenzo Bellini, il 23 settembre.

IN CUCINA
La pasta alla norma è, ormai, una vera istituzione della cucina tradizionale siciliana. Si prepara con pochi ingredienti, ma tutti estremamente saporiti. Per renderla più leggera in molti, oggi, preferiscono grigliare le melanzane ma, chi desidera seguire la ricetta originale, dovrà mettere per un attimo da parte la dieta e friggerle in olio extravergine di oliva.

RODOTTI TIPICI E RICETTE DAL GUSTO ITALIANO


La ricetta. Pasta alla Norma. Ingredienti: Cipolla: 1, Basilico fresco: 10 foglie, Melanzane: 2, Olio extravergine di oliva, Pepe: quanto basta a piacere, Pomodori pelati: 800 g, Ricotta salata: 200 g, Sale grosso: quanto basta, Pasta: 400 g (tipo a piacere)
Soffriggere in una capace pentola una cipolla tritata finemente in poco olio, aggiungere i pomodori pelati (se possibile freschi), salare e pepare il sugo e portarlo a completa cottura controllando che raggiunga una corretta densità (né troppo asciutto né troppo liquido). Lavare, spuntare e sbucciare le melanzane (a piacere la buccia può essere tenuta), affettarle sottilmente in senso trasversale e porle in uno scolapasta cospargendo i vari strati di poco sale grosso. Ricoprire il tutto con un piatto ed un peso in modo tale da aumentare la pressione e favorire l'uscita del liquido amarognolo delle melanzane. Dopo circa 1 ora sciacquarle ed asciugarle con cura su carta assorbente. Friggere le fettine di melanzana in una padella di alluminio con abbondante olio extravergine di oliva, a cottura ultimata asciugarle su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso ed aggiungere qualche pizzico di sale. Cuocere in abbondante acqua salata la pasta nel formato scelto, grattugiare la ricotta salata, tagliare i dischi di melanzane in strisce sottili e aggiungerle al sugo di pomodoro, lasciandone alcuni interi per la decorazione finale. Aggiungere al sugo preparato le foglie di basilico spezzate. A cottura ultimata, scolare la pasta ed unirla al condimento in padella mescolando per amalgamare i sapori, aggiungere la ricotta salata, i dischi rimanenti di melanzane ed alcune foglie di basilico. Comporre i piatti suddividendo le fette di melanzana ed aggiungendo qualche foglia di basilico fresco. (pastaallanorma.it)

IL TERRITORIO
Trecentomila abitanti, un vulcano attivo che le fa da cornice, cupole barocche, profumo di mare e arancini. Questa è Catania, la città di Verga e di Bellini, filmata da Bolognini e Germi, cantata da Battiato. Una città che si accende al tramonto di luci impreviste, di suoni, incontri, colori inattesi.

DA VEDERE A CATANIA: VAI ALLA GUIDA

Leggi anche:
Sicilia: 5 itinerari seguendo l'arte più bella dell'isola
Weekend in Sicilia: itinerario in 5 tappe tra i sapori dell'isola

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE





Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati