Cerca nel sito
HOME  / gusto
Locale Storico: Locanda del Cerriglio

Napoli, la Locanda del Cerriglio

Uno spaccato partenopeo con aneddoti storici di rilievo: cosa offre la Locanda del Cerriglio

Entrata
©Locanda del Cerriglio
Entrata della locanda
LA STORIA
Il Cerriglio è un piccolo vicolo nel cuore antico di Napoli, dove leggenda vuole che Caravaggio rischiò la vita in seguito ad un agguato, dove fu preso a pugni e cadde a terra sanguinante e stordito, colpito duramente al corpo e profondamente segnato sul volto e nello spirito. Questo piccolo pezzo della città partenopea, che si trova tra la piazzetta di porto e il vicolo di Santa Maria la Nova, è impregnato di un fascino unico anche perché per alcuni si tratta della strada più stretta della città. Qui si trova una locanda piuttosto antica, aperta ai tempi di Robertò d’Angiò, dove sono passati scrittori, intellettuali ed artisti di varie epoche, da Boccaccio a Basile, da Cervantes a Benedetto Croce e Caravaggio prima dell’aggressione. La Locanda del Cerriglio è sempre stata un posto unico perché frequentato da tutte le classi sociali, dalla plebe ai ricchi nobili oltre che dai grandi artisti. Tutti vi arrivavano per godere dei piaceri semplici grazie all’ottimo cibo, al buon vino, alla musica e alle belle donne, attività che andarono avanti fino al 1850 circa, epoca in cui la taverna dagli antichi fasti viene tramutata in un deposito. Oggi la locanda è completamente rinnovata ma propone ancora piatti genuini di cucina tipica napoletana, in un'atmosfera calorosa e accogliente. Grazie a Giuseppe Follari e a sua moglie Angela che l’hanno riportata in vita inaugurandola a novembre del 2014, sempre conservandone le sue caratteristiche e la sua unicità. 

Leggi anche: Napoli, passeggiata tra le antiche porte della città

LA LOCATION
La taverna è strutturata su tre livelli, con il piano superiore che in origine era lo spazio dedicato ai momenti di piacere ed oggi è riservato ad eventi speciali e mostre. Il piano inferiore, una cantina che offre 40 posti a sedere, si caratterizza per la presenza di una fontana seicentesca che in origine era una sorgente. Tra i due livelli, c’è il piano riservato al ristoro, con tavoli in legno per  60 posti a sedere e reti da pescatore tra cui sbucano versi scritti ad ornare i muri. 

IL MENU
Alla Locanda del Cerriglio si possono assaporare le vere pietanze della tradizione partenopea,  il tutto avvolto da sapori, colori e odori che riportano il visitatore indietro nel tempo. Oltre alle ricette tipiche della cucina classica napoletana si ha la possibilità di assaporare le più gustose rivisitazioni. Tra i piatti forti ziti alla genovese, ragù, pasta e patate con provola, pasta e fagioli con le cozze, paccari con pomodorini e baccala, zucca e cozze, risotti, scarpariello, cuppo, fritturina napoletana, alici e baccalà. 
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione Campania
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati