Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti Dop Lombradia Ricetta con Miele Varesino

Miele Varesino Dop, l'oro delle Prealpi

In Lombardia nasce un miele frutto del sapiente lavoro di gestione dei boschi e delle colonie d'api. Un prodotto di nicchia il cui pregio supera i confini regionali

prodotto naturale <br>
iStock
Miele
Il miele di Varese rappresenta il 13% di quello lombardo, con un primato tra tutte le province a livello regionale. Contraddistinto dal sigillo " Miele Italiano - Consorzio Qualità Miele Varesino", è un prodotto monofloreale di Acacia ottenuto dal nettare bottinato dalle api sui fiori di Robinia pseuodocacia.

Leggi anche: VARESE, LA COLLEZIONE D’ARTE IN GIRO PER IL MONDO

LA TRADIZIONE Nella provincia di Varese tra il XVII e il XX secolo, furono costruite molte ville con parchi impreziositi con specie ornamentali esotiche che, grazie al clima favorevole, sono addirittura diventate infestanti per il sottobosco locale. Inoltre, all’inizio del secolo scorso, a seguito della costruzione della rete ferroviaria italiana realizzata dall’Unità d’Italia in poi, la Robinia pseudoacacia fu utilizzata per consolidare i pendii delle scarpate poiché, grazie alle sue ramificate radici superficiali, assicurava un ottimo consolidamento dei terreni. Trovato un habitat ideale, la conseguente proliferazione della Robinia indusse gli apicoltori locali a specializzarsi sempre più nella produzione del miele di acacia che, per le sue particolari caratteristiche organolettiche e fisiche, si distingueva dagli altri mieli prodotti fino ad allora, diventando in breve la tipologia di miele maggiormente prodotta in provincia di Varese. Questo miele veniva chiamato nei primi del ‘900, “l’oro delle Prealpi”. Il forte sviluppo dell’attività sul territorio e la sua crescente importanza nell’economia locale sono inoltre testimoniate dall’esistenza, sin dal 1934, del Consorzio provinciale Obbligatorio fra Apicoltori, che nel 1983 fu convertito nell’Associazione Produttori Apicistici della Provincia di Varese. Qualche anno più tardi, nel 1989, il processo di coordinamento e organizzazione dei produttori del territorio si completerà con la costituzione del Consorzio Qualità Miele Varesino.

Leggi anche: VARESE, ZENZERO E SPA

LA DENOMINAZIONE In data 1 Aprile 2014 il Miele Varesino d’Acacia ha ottenuto il riconoscimento della DOP

ALTRI SAPORI DAL GUSTO TIPICO ITALIANO: CURIOSITA' E RICETTE REGIONALI

LE CARATTERISTICHE Il Miele Varesino DOP ha una consistenza liquida con una cristallizzazione rara e si presenta di colore trasparente, da quasi incolore a giallo paglierino, che può produrre una leggera opacizzazione seguita a volte ad una fase cremosa. È caratterizzato da sapore molto dolce, profumo leggero e delicato, assenza di odori marcati, aroma confettato e vanigliato.

Leggi anche: I SEGRETI DEL MASSAGGIO OLISTICO

LA PRODUZIONE La zona di produzione del Miele Varesino DOP comprende il territorio della provincia di Varese nella regione Lombardia, ai piedi delle Alpi, tra i fiumi Ticino ed Olona e tra i laghi Maggiore e di Lugano. Gli apiari utilizzati devono essere situati in territorio di pianura, collinare o montano ad altezza non superiore ai 600 metri s.l.m.

Leggi anche: SUA MAESTA’ IL MIELE (Stile.it)

LA CULTURA Gli alveari del Miele Varesino DOP possono essere stanziali, cioè permanere nella stessa postazione per l’intero arco dell’anno di produzione, o nomadi, con spostamenti entro il territorio, per tutto il periodo della fioritura interessata. Per la produzione devono essere utilizzate arnie razionali, a favo mobile a sviluppo verticale. I melari impiegati nella fase di raccolto produttivo delle api devono essere vuoti e puliti. L’ispezione degli alveari deve essere condotta impedendo di trasferire al miele odori estranei o residui di combustione, quindi utilizzando fumo ottenuto con idonei materiali vegetali di origine cellulosica. L’estrazione deve essere effettuata esclusivamente da favi di melario privo di covata e condotta con smielatori centrifughi.

Leggi anche: MIELE, LA SALUTE AL NATURALE

IN CUCINA Il Miele Varesino DOP conserva a lungo le sue caratteristiche purché tenuto lontano dalla luce e dal calore. Il miele è ottimo per la prima colazione, sul pane o sulle fette biscottate, associato a burro o ricotta. È delizioso direttamente nel latte o nel tè e per dolcificare le tisane. Particolarmente felice è l'associazione del miele allo yogurt per le benefiche proprietà che i due prodotti esprimono, mentre risulta originale l’uso sui piatti tipici regionali e con i formaggi stagionati.

PRODOTTI TIPICI E RICETTE DAL GUSTO ITALIANO

LA RICETTA Pollo al miele e limone. Ingredienti per 4 persone: 1 petto di pollo a fettine sottili; 1 grosso limone; 2 cucchiai di millefiori ; 1 spicchio d'aglio; 1 peperoncino; menta; Olio; Sale e pepe. Preparare la marinata per la carne: porre in una ciotola il succo del limone e le scorzette di limone, il miele, lo spicchio d'aglio tritato, il peperoncino e un cucchiaio di menta tritata. Ricavare delle striscioline dal petto di pollo e porle a marinare nell'emulsione. Coprire con pellicola e porre a riposare in frigo per 2 ore. Scolare la carne dalla marinata, poi rosolatela rapidamente con 2/3 cucchiai di olio per 6/8 minuti, regolando di sale e pepe. Spolverare il pollo con abbondante menta e servire. (ilmieleincucina.it)

Leggi anche: TORTELLI, LECCORNIA DEL CARNEVALE AMBROSIANO

IL TERRITORIO La città di Varese è ricca di storia: dalle stazioni ferroviarie cittadine, si giunge facilmente alla Chiesa della Madonnina in Prato, una tra le più antiche Chiese cittadine, si trova in località Biumo Inferiore. Fu eretta alla fine del 1600 e al suo interno si trovano bellissimi ed interessanti dipinti. Nel centro cittadino si trova piazza San Vittore con l'omonima Basilica al fianco della quale si erge la torre di Varese, il campanile. Sempre nei pressi di piazza San Vittore, vi è il Battistero di San Giovanni. Cuore della città, corso Matteotti, la zona più frequentata da varesini e turisti. VISITA VARESE: VAI ALLA GUIDA
 
Altre ricette
Maccheroni con ricotta romana e carciofi
Barchette di polentina gialla con salame d’oca di Mortara
Sformato di Trota

Leggi anche:
A Milano le frontiere nelle arti visive
Milano, un giorno in Spa con l’aromaterapia
A Milano l’aperitivo è vintage
Pan dei Morti: la vera ricetta lombarda

*****AVVISO AI LETTORI******  
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati