Cerca nel sito
HOME  / gusto
Italia gourmet: 7 ristoranti top

Le migliori ricette italiane

Sette ristoranti con altrettante specialità propongono la migliore cucina regionale italiana. Scopri gli indirizzi per un goloso itinerario... con sorpresa finale.

Piatto di pasta
©AP
A tessere le fila del nostro viaggio gourmand in Italia a caccia di specialità regionali con i fiocchi, è l'Unione Ristoranti del Buon Ricordo che è un'associazione, una guida, una filosofia di vita, tante cose insieme con un unico obiettivo: diffondere e offrire ai turisti il meglio della cucina regionale italiana. Sono 46 anni che questa felice sinergia accoppia gourmet e viaggiatori in un appassionante scambio di favori. Il team di ristoranti è davvero ampio, a conferma dell'eccellenza del made in Italy nel settore gastronomico, ma per il 2010 ci sono sette new entry che vale la pena conoscere. Ciascun ristorante si propone con una pietanza-simbolo che viene tenuta nel menu fissa ogni giorno dell'anno e che è stata simbolicamente effigiata a mano, a colori vivaci e con lo stile inconfondibile degli artigiani  della Ceramica artistica Solimene di Vietri sul Mare, sul piatto che regaleranno agli ospiti in ricordo della loro esperienza gastronomica. Dunque, cena con "ricordo" finale, e si spera che il ricordo sia buono, come iscritto nel nome dell'Associazione.

Ma andiamo a vedere da vicino quali sono i magnifici sette del 2010 e quali leccornie del gusto italiano propongono. Dal Piemonte all'Umbria, iniziamo da Cuneo dove gli indirizzi sono addirittura due: Delle Antiche Contrade e Lovera dal 1934 che propongono, rispettivamente come piatto forte dell'anno, insalata tiepida di gallina bianca di Saluzzo, salsa tonnata e chicchi d'uva il primo, e ravioles della valle Varaita il secondo. Quest'ultimo, tra l'altro, è anche un buon indirizzo per soggiornare nel Palazzo Lovera, dimora settecentesca prestata all'hotellerie di rango.

Nel genovese non può mancare una abbondante zuppa alla genovese presso la Trattoria Patan che offre però, come piatto distintivo del Buon Ricordo, il Ciupin di Nervi. A pochi passi dal porticciolo, questo locale storico, si affaccia sull'antica Via Aurelia in un edificio d'epoca riaperto dopo un'accurata ristrutturazione e presenta menu dove il pesce fresco non manca mai.

Rimanendo al nord, a Carate Brianza lo chef premiato è quello del Ristorante La Piana che vi lascerà un "buon ricordo" del suo filettino di maiale gratinato al timo. Ma vi ricorderete senz'altro anche dell'atmosfera di questo luogo ricavato all'interno di un'antica corte lombarda, con muri a vista e travi in legno. Davvero un posto da intenditori dove vengono cucinati non solo i classici della cucina lombarda e lariana, milanese brianzola in particolare, ma soprattutto quelli "a rischio d'estinzione".

La prossima tappa è in provincia di Pavia dove in uno dei più piccoli comuni dell'Oltrepò pavese, Montescano, si trova il grande gusto del Ristorante Le Robinie con il suo piatto forte dell'anno: risotto alle rape rosse e salsa Gorgonzola. Con la prossima sosta sembra quasi di non stare più in Italia. Andiamo a Savogna d'Isonzo e precisamente a San Michele del Carso, un paesino goriziano, a poca distanza dal confine con la Slovenia, in una zona densa di memorie della Grande Guerra. Qui fin dal 1870 la famiglia Devetak gestisce quella che un tempo era una 'gostilna', una trattoria di campagna, e che oggi è un ristorante dove i piatti della tradizione carsolina, Adriatico e Mitteleuropa a contatto. Si chiama Lokanda Devetak 1870 e il pezzo forte della cucina è Mlinci con la supeta. L'accoglienza di questa locanda non si ferma,come è prevedibile, in cucina: è possibile anche pernottare confidando nella conduzione familiare di 12 persone.

Scendendo nel centro Italia, i sapori indimenticabili della cucina umbra sono serviti al Ristorante Vespasia di Palazzo Seneca di Norcia: salumi norcini e pecorino del pastore, zuppe e paste caserecce, carni d'agnello e di Chianina, legumi di Castelluccio, tartufi e cacciagione, senza dimenticare una cantina da 600 etichette con particolare attenzione alle bollicine. Ma il piatto da gustare con particolare attenzione è la vellutata di Roveja di Castelluccio con gnocchetti di ricotta soffice del pastor. Anche qui è possibile pernottare ma i prezzi non sono certo low cost considerando la location di grande fascino propria di una dimora cinquecentesca restaurata dai più abili artigiani umbri.

Informazioni
Unione Ristoranti del Buon Ricordo
tel. 02 80582278
www.buonricordo.it

Indirizzi utili
Ristorante delle Antiche Contrade
Via Savigliano, 11 - Cuneo
Tel 0171 480488
www.antichecontrade.it
Ristorante Lovera dal 1939
Via Savigliano, 12 - Cuneo
tel. 0171.690429
www.palazzolovera.com
Trattoria Patan
Via Oberdan 157/159 Genova Nervi
tel. 010.323897
tangling@tangling.it
Ristorante La Piana
Via Zappelli, 15 - Carate Brianza (Monza Brianza)
tel. 0362.909266
www.ristorantelapiana.it
Ristorante Le Robinie
Loc. Ca D'Agosto - Montescano - Pavia
tel. 0385.241529
www.lerobinie.net
Lokanda Devetak 1870
Loc. San Michele del Carso
Via Brežii, 22 - Savogna d'Isonzo - Gorizia
tel. 0481.882488
www.devetak.com
Ristorante Vespasia di Palazzo Seneca
Via Cesare Battisti, 10
06046 Norcia - Perugina
tel. 0743.817434
www.palazzoseneca.com
Saperne di più su GUSTO
Correlati per territorio
Seguici su:
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati