Cerca nel sito
HOME  / gusto
frutta mele ricette prodotti tipici itinerari gastronomici

La mela "Zitella" che conquista tutti

Diffusa in diverse zone dell'Italia centrale è antica ed ottima per preparare dolci

mela zitella frutta
Courtesy of ©agricoltura.regione.campania.it
Mele zitelle
Non c'è giorno migliore di quello di San Faustino, festa dei single, per parlare di una varietà di mela antica e deliziosa, tipica del Molise e dell'Abruzzo ma presente anche in Campania ed in altre zone dell'entroterra dell'Italia centro-meridionale, che, non a caso, prende il nome di “mela zitella”. Il nome potrà sembrare non particolarmente benaugurale, ma il suo sapore delizioso saprà conquistare proprio tutti.

LA TRADIZIONE
Da sempre associata all'amore, alla fertilità, alla salute e alla bellezza ma anche alla tentazione, alla discordia, alla sensualità e alla sessualità, la mela è uno dei frutti più antichi e simbolici di cui la nostra terra ci faccia dono. La “mela zitella” non fa eccezione ed, anzi, richiama essa stessa una speciale simbologia che la rende una varietà un po' differente dalle altre. Nell'alto Molise, in Abruzzo, ma anche in alcune zone collinari della Campania è presente sin dall'antichità ed anche se oggi è considerata a rischio estinzione, non mancano, specialmente in Molise, nella zona di Agnone, le famiglie che ancora possiedono un albero di mele zitella i cui frutti vengono per tradizione esposti sulle tavole natalizie.

LA DENOMINAZIONE
Esistono diverse interpretazioni riguardanti le origini di questo nome un po' particolare. Se c'è chi sostiene che la mela zitella si chiami così per la tardività della maturazione del frutto rispetto ad altre varietà di mela, c'è chi, invece, propone un'interpretazione più suggestiva dell'aggettivo che sarebbe, piuttosto, da attribuire all'antica usanza, tra le donne nubili, di utilizzarne la polpa come cosmetico. In ogni caso, non vi è dubbio che questa sia una mela ispiratrice di appellativi più o meno strani. E', infatti, conosciuta anche come verginella o mela gentile.

LE CARATTERISTICHE
Si tratta, dunque, di una varietà a maturazione tardiva che permette di godere per tutta la stagione invernale del sapore delizioso dei suoi frutti che si presentano di pezzatura medio-grande, di forma leggermente appiattita e asimmetrica e di colore giallo ocra con una “guancia” dalle sfumature rosate. Si tratta di un frutto profumato ed aromatico, dalla polpa bianca, compatta e croccante e dal gusto dolce ma dalle note fresche e piacevolmente acidule.

LA PRODUZIONE
Trattandosi di una varietà tardiva, la mela zitella giunge a maturazione nel mese di ottobre quando cominciano le operazioni di raccolta. Trattandosi di un frutto dotato di particolare serbevolezza, correttamente conservato è in grado di mantenere inalterate le proprietà gustative ed olfattive per l'intera stagione invernale.

LA CULTURA
La mela zitella era considerata, un tempo, un vero e proprio frutto dalle numerose risorse come dimostra, del resto, la sua diffusione come prodotto cosmetico. Si dice che, nel corso del XVII secolo, fosse diffusa l'usanza si svuotare i frutti della loro polpa e riempirli di olio di gelsomino , e di utilizzarli anche come candele profumate. Veniva, inoltre, impiegata come deodorante per profumare armadi e cucine.

IN CUCINA
Le caratteristiche di questa mela rendono particolarmente adatta alla produzione di canditi utilizzati per farcire numerose ricette. Viene consumata sia cotta che fresca ed impiegata per la preparazione di dolci deliziosi.

La ricetta. Frittelle di mele. Ingredienti: 2 mele, succo di limone. Per la pastella: 125 grammi di farina, 200 millilitri di latte (o birra), 2 uova, 100 grammi di zucchero, 2 cucchiai di rum o grappa (facoltativi), un cucchiaino di sale. Per friggere e rifinire: olio di semi di arachidi, zucchero a velo, cannella in polvere. Separate i tuorli dagli albumi, poi setacciate la farina e cominciate a lavorarla con il latte o la birra fino ad ottenere un composto fluido ed omogeneo. Continuando a mescolare con una frusta, aggiungete anche i due tuorli, lo zucchero, il sale e, se lo desiderate, il liquore. Lasciate riposare la pastella e, nel frattempo, sbucciate le mele e privatele del torsolo, poi tagliatele a fette sottili (circa mezzo centimetro) e bagnatele con qualche goccia di succo di limone. Montate, quindi, gli albumi a neve ed incorporateli delicatamente alla pastella con movimenti circolari dal basso verso l'alto, poi fate scaldare l'olio e, quando sarà ben caldo, cominciate ad asciugare le fette di mele e a passarle nella pastella per poi friggerle tre o quattro o alla volta a seconda della dimensione delle fette, della quantità di olio e della capienza del contenitore. Quando saranno ben dorate, scolatele con cura su della carta assorbente, guarnitele con una spolverata di zucchero a velo e cannella in polvere e servite in tavola calde o tiepide.

TUTTE LE RICETTE REGIONALI D’ITALIA

IL TERRITORIO
La mela zitella cresce sana e deliziosa sui rilievi dell'alto Molise e dell'Abruzzo ad un'altitudine minima di 600-700 metri. Non è raro trovarla anche nell'entroterra campano in particolar modo tra le montagne e le colline delle province di Avellino e Benevento dove cresce su alberi vigorosi presenti, soprattutto, nei frutteti misti di tipo familiare.

Leggi anche:
Molise tra zampogne e domus romane
Abruzzo da scoprire pedalando

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100