Cerca nel sito
HOME  / gusto
Agriturismi biologici Friuli Venezia Giulia La Faula di Povoletto

La Faula, cucina rurale in Friuli Venezia Giulia

A Povoletto, cittadina in provincia di Udine famosa per la qualità dei suoi vini, l'agriturismo biologico a due passi dalla Carinzia

agriturismo bio Friuli Venezia Giulia
Courtesy of@Turismo FVG
La Faula
Austria, Italia e Slovenia. Incrocio di culture che senz’altro si riflette sull cucina della Carinzia, uno degli otto stati federati austriaci nella regione Friuli Venezia Giulia. Un territorio, quello carinziano, ricco di laghi, monti e colline, che produce materie prime fresche e una cucina sana e genuina, legata alla tradizione, ma allo stesso tempo originale e ricca di sapori sempre diversi. Dalle limpide acque dolci arrivano pesci, in particolare trota e salmerino; speck affumicato e polenta sono invece alla base della cucina di montagna.
 
 
Povoletto è una delle 438 città del vino italiane famosa per la tipicità e qualità dei suoi prodotti tra cui spiccano il Picolit, il Verduzzo e il Refosco di Faedis. Una tradizione antica che si rinnova soprattutto nei vigneti sui colli di Savorgnano. Una cittadina tra le campagne immerse nel verde della provincia di Udine, in cui sorge La Faula, agriturismo di charme dal carattere familiare. Ospitato in una suggestiva casa colonica fiulana dei primi del ‘900 e arredato per la maggior parte, da mobili originali. Una posizione strategica per organizzare passeggiate nei vigneti o visite alle cantine per qualche degustazione, oppre per escursioni nelle vicine città d’arte. L'agriturismo è un’azienda biologica in cui si coltivano tre ettari di vigneto e si allevano allo stato brado bovini di razza Angus e animali di bassa corte. L’uva viene trasformata in pregiati vini nella cantina dell’azienda. Le carni costituiscono il piatto forte delle cene.
 
Leggi anche: 70 MODI PER DIRE CARINZIA (Stile.it)
 
Apprezzato dai turisti per il silenzio e la natura necessari a una vacanza di completo relax, La Faula si presenta come una struttura rustica a cui un’imponente vite fa da pergolato. Alle spalle le colline e ampi vigneti e intorno un ampio giardino. Gli ambienti sono curati nei minimi dettagli, arredate con uno scrupoloso utilizzo del legno che domina su travi, pavimenti e infissi. Camere eleganti, tutte diverse tra loro, da cui si scorgono panorami incantevoli in qualunque stagione. I due proprietari Paul e Luca si occupano direttamente della cucina e della gestione della struttura. Dalla colazione a base di prodotti casalinghi come marmellate, yogurt, dolci fatti in casa e uova fresche del pollaio. Fino ai piatti del ristorante e ovviamente il pane: da oltre 10.000 anni l’arte di fare il pane è rimasta la stessa, e recentemente il prodotto è stato sottoposto a tutela dall’UNESCO come patrimonio culturale dell’umanità.
 
Leggi anche: CUCINA PER INTENDITORI IN CARINZIA (Stile.it)
 
Tra i prodotti tipici da assaggiare in Carinzia, il tortellone “Kärntner Nudeln”, con ripieno di patate e ricotta o di pere dolci secche (Kletzen). Per le loro carni tenere, l’agnello del Glockner e il manzo della Nockalm. Il miele Rosentaler Carnica e la mela. Da alcune tipologie di questo frutto si ricava il sidro frizzante della valle Lavanttal, leggermente alcolico, il “most” e grappa “schnaps”. Infine il vino carinziano, una tradizione millenaria che negli ultimi anni sta tornando in voga. 
 
faula.com
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati