Cerca nel sito
HOME  / gusto
Sagre Emilia Romagna Sagra del pinolo Ravenna

Il pinolo: storia e simbolo di Ravenna

Emilia Romagna, la Sagra di Fosso di Ghiaia annuncia l’arrivo dell’estate

semi pigna albero pino
iStock
Pinoli
Si rinnova il tradizionale appuntamento con la Sagra del Pinolo di Fosso Ghiaia, la kermesse dedicata al delizioso prodotto del Ravennate tra buona tavola e cultura. La location è suggestiva: la Pineta di Classe nel comune di Ravenna, in cui dal 25 aprile al 1 maggio sarà possibile conoscere e gustare uno dei prodotti più antichi della zona.
 
IL PINOLO DI RAVENNA E L’ARRIVO DELL’ESTATE
 
Organizzata dal Comitato Cittadino di Fosso Ghiaia, la sagra ospiterà stand gastronomici ed esibizioni sportive, mostre e mercatini. La suggestiva cornice della secolare Pineta di Classe, farà da sfondo a un prodotto tanto gustoso quanto salutare. In occasione della festa dedicata al pinolo, sarà possibile conoscerne la storia, dalla raccolta autunnale delle pigne, all’estrazione dei loro semi in primavera, quando rilasciano il caratteristico profumo di resina. 
 
 
In epoca antica ai pinoli venivano attribuite anche proprietà curative. Già nel ‘700 Ravenna creò una sorta di piccola industria del frutto che iniziava con la raccolta e terminava alle porte dell’estate con la stesura dei pigne sulle aie delle pinete di San Vitale e di Classe. Qui venivano battute con mazze, poi con il sole estivo o con fuochi accesi, che ne permettevano l’apertura, i pinoli venivano fatti cadere dal loro primitivo involucro per poi essere raccolti.
 
 
La tradizionale sagra festeggia quello che è considerato il miglior pinolo d’Italia e segna l’ufficiale arrivo dell’estate. Quello di Ravenna è un prodotto ricco di proteine, ingentilito dalla brezza marina della città e arricchito dai vicini terreni paludosi creati dalla foce del Po. Durante la sagra sarà possibile acquistare prodotti in cui il pinolo è trasformato o esaltato in numerose declinazioni. Oltre al gusto, c’è anche spazio per l’artigianato ravennate, legato alla tradizione bizantina. 
 
LA PINETA DI CLASSE: STORIA DEL PINOLO RAVENNATE
 
Dalla Pineta di Classe, si può arrivare al Parco I Maggio e alla Casa delle Aie di Classe. Dal Ponte delle Botole è possibile percorrere molti sentieri, alcuni pedonali, altri ciclabili, altri transitabili a cavallo. Un tempo la pineta era affidata agli ordini monastici che la sfruttarono per la produzione dei pinoli, importante fonte di reddito. La Casa delle Aie di Classe fu adibita a dormitorio per i "pignaroli" che si occupavano della raccolta delle pigne e dei pinoli. Le pinete di oggi si trovano su un terreno anticamente occupato dal mare e il pino è cresciuto spontaneamente nelle fasce litoranee su dune sabbiose, ma è sopravvissuto grazie all’intervento dell’uomo. Il pino marittimo è simbolo della storia della città, tanto da essere raffigurato anche nello stemma del Comune di Ravenna, in cui compare l’albero che divide due leoni pronti a sfidarsi.
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati