Cerca nel sito
HOME  / gusto
piatti tipici itinerari gastronomici cucina esotica

Dal kebab al pidan: 5 stuzzicanti ricette esotiche 

Alla scoperta di 5 specialità che risvegliano la voglia di viaggiare e di sperimentare

amici mangiare cibo cena pranzo tavola piatti 
©DanielBendjy/iStock
Mangiare in compagnia
SHISH KEBAB
Il shish kebab è una preparazione tipica araba in cui la carne (esclusa quella di maiale) viene insaporita con spezie e poi cotta sullo spiedo o sulla brace. Il nome del piatto può essere tradotto come “cubetti di carne su spiedo cotti alla griglia”. Non stupisce che per la preparazione sia necessario lo spiedo: la parola “shish” indica infatti il tipico metodo di cottura, mentre “kebab” si traduce generalmente come “carne cotta o fritta”. Sembrerebbe che già nel IV secolo a.C., i cavalieri persiani utilizzassero le loro spade per arrostire la carne. Il kebab è essenzialmente di origine persiana: la tradizione araba vuole che il piatto sia stato inventato proprio dai soldati in guerra. 
 
SOPA DE LIMON
Sapori forti, aromi e il piccante. Sono la base della gastronomia messicana, una cucina che affonda le sue radici nella tradizione precolombiana ma che in sé ha molte delle caratteristiche europee. Il Messico ci abitua a piatti colorati e dal gusto deciso, ma tra le sue specialità compaiono anche ricette delicate capaci di nutrire con gusto e fantasia. La sopa de limon è un piatto tipico di Merida, la città più grande dello stato dello Yucatan, nonché la sua capitale amministrativa, culturale e finanziaria. Si tratta di una zuppa a base di pollo, limone e peperoncini. 
 
PIDAN
Un piatto sicuramente antico che non prevede una vera e propria ricetta. Piuttosto un insolito metodo di conservazione. Parliamo del Pidan cinese, anche detto Song Hua Dan, che all’aspetto potrebbe risultare poco invitante, ma che in molti considerano una vera e propria prelibatezza. Si tratta di uova di anatra, conservate per circa 100 giorni in una miscela di argilla, cenere, sale, calce viva, e pula di riso. In Cina sono famose come le “uova centenarie”. 
 
TARTE TATIN
Borghi, castelli, giardini neoclassici: la Valle della Loira incanta per il fascino di luoghi senza tempo. Una regione ricca di storia, simbolo di dinastie, re e regine che vissero tra lotte di religione e potere. È qui, e precisamente nel Castello di Blois, che Giovanna d’Arco ricevette il battesimo dall’arcivescovo di Reims. Il Castello di Cheverny invece, è l’emblema delle regge francesi e tuttora è abitato dai proprietari. Ma la Valle della Loira ha dato anche i natali a uno dei dolci più famosi della gastronomia francese. La Tarta Tatin è la “classica” torta a base di mele caramellate e pasta brisé.
 
OKROSHKA
Si dice che un pasto russo non sia completo se non con una zuppa. Anche in estate. Nella cucina popolare si prediligono sapori acidi e dolci, presenti in moltissimi piatti tipici. Largo spazio alle erbe aromatiche, tra cui il primo posto spetta di sicuro all'aneto, mentre tra i latticini sono molto diffusi smetana (panna acida) e burro. A tavola si partecipa a una sorta di rito in cui vengono consumati come antipasti piccoli piatti a buffet (zakuski). Anche durante le stagioni calde il rito viene rispettato per “stuzzicare l’appetito” e per introdurre zuppe rinfrescanti che hanno origini antiche. Tra queste l’okroshka, piatto a base di cetrioli, cipolle, patate, uova e carni varie.

Saperne di più su GUSTO
Correlati per Paese Cina
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100