Cerca nel sito
HOME  / gusto
emilia romagna prodotti tipici ricette itinerari gastronomici

Borgotaro, sulla Strada del Fungo Porcino IGP

Il prezioso frutto dell'autunno della Val di Taro è il fiore all'occhiello della tradizione locale

Funghi porcini
iStock
Funghi porcini
I funghi sono uno dei frutti più preziosi dell'autunno ed Borgotaro, in Val di Taro, vanta una lunghissima tradizione legata al raccolto del re dei funghi, il porcino che da queste parti è particolarmente pregiato e saporito, tanto da aver meritato l'attribuzione della IGP.

LA TRADIZIONE
La raccolta dei funghi, nella zona appenninica di Albareto, Val di Taro e Pontremoli è una vera tradizione che contraddistingue da secoli la cultura locale. Nei boschi che ricoprono queste montagne crescono, infatti, dei funghi porcini di pregiata qualità che si distinguono per la prelibatezza e per le caratteristiche uniche che li rendono differenti da tutti gli altri. Si tratta dei Funghi di Borgotaro IGP insigniti del prestigioso marchio che ne tutela l'origine.

LA DENOMINAZIONE
La qualità del fungo porcino di Borgotaro è talmente pregiata che è stato insignito del marchio IGP. 

LE CARATTERISTICHE
Ognuna delle quattro specie di Fungo di Borgotaro che vengono raccolte nell'area della IGP (il Boletus Edulis, il Boletus Aereus, il Boletus Aestivalis e il Boletus Pinophilus) è caratterizzata da un aroma intenso ed un odore pulito, mai piccante, privo di note che richiamino il fieno, il legno fresco o la liquirizia che altrimenti non permetterebbero di apprezzare a pieno il tipico sentore di bosco e terra umida.

LA PRODUZIONE
I funghi, a differenza di altri prodotti ortofrutticoli, non sono coltivati dall'uomo, ma crescono spontaneamente e l'uomo può favorirne la proliferazione contribuendo a mantenere le condizioni ideali del loro habitat naturale. Grazie anche all'attività dei proprietari che da secoli curano i boschi, le condizioni climatiche e microclimatiche di queste zone si sono mantenute favorevoli alla crescita dei porcini che hanno sviluppato caratteri distintivi ben definiti ed apprezzabili.

LA CULTURA
Da un'iniziativa del Consorzio è nato un Circuito Gastronomico che coinvolge alcuni ristoranti di Parma e provincia che si sono impegnati ad utilizzare il prodotto fresco marchiato IGP e a segnalarlo nei propri menù sui quali vengono indicati i piatti preparati con il Fungo di Borgotaro e quelli realizzati, invece, con prodotti non certificati.Il porcino locale è, inoltre, protagonista di un itinerario gastronomico, la Strada del Fungo Porcino, che porta alla scoperta dei luoghi più significativi legati al prodotto.

IN CUCINA
Adatto ad essere impiegato per la realizzazione di una grande quantità di ricette, il Fungo di Borgotaro nella cucina locale viene spesso servito anche da solo, crudo tagliato a fettine, sott'olio, fritto, oppure alla piastra. E' ottimo anche servito con la polenta o come ingrediente di succulente zuppe, pastasciutte, tortelli di patate, arrosti e scaloppine oltre che di cremosi risotti, tra i quali vale la pena assaggiare quello con porcini, prugnoli e taleggio.

PRODOTTI TIPICI E RICETTE DAL GUSTO ITALIANO

La ricetta. Risotto con porcini, prugnoli e taleggio. Ingredienti: riso, olio extravergine di oliva, vino bianco, cipolla, funghi porcini di Borgotaro, prignoli, taleggio, sale, pepe.
Far tostare il riso con l'olio ed aggiungere del vino bianco, della cipolla finemente tritata, e cominciare ad aggiungere del brodo di funghi 2 mestoli alla volta non appena il vino sia evaporato. A metà cottura si incorporeranno prugnoli, sale e pepe, continuando ad aggiungere il brodo e a 5 minuti dalla fine della cottura si uniranno anche i porcini freschi tagliati a fettine. Prima di servire in tavola, mantecare il tutto con burro e pezzetti di taleggio.

IL TERRITORIO
Re dei boschi della dorsale appenninica che percorre l'Alta Valle del Taro, il Fungo di Borgotaro è il gustoso protagonista di un itinerario gastronomico che porta alla scoperta dei luoghi più significativi legati alla sua storia e alla sua raccolta. Lungo la Strada del Fungo Porcino è possibile entrare in contatto con la natura e la storia di questa zona ricca di fascino e di preziose testimonianze del passato.

Leggi anche
A Modena la Eat Art di Daniel Spoerri
Tutto il gusto del salame d’oca Igp di Mortara
5 weekend da favola tra i castelli d’Italia

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE





Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100