Cerca nel sito
HOME  / gusto
Sagre Marche Festa del Mare Porto San Giorgio

Al via la Festa del Mare di Porto San Giorgio

Una domenica di mare, sole e tradizioni marchigiane all'insegna della Bandiera Blu

sagra porto san giorgio marche
sangiorgioturismo.it
Festa del Mare, Porto San Giorgio
L'autonomia comunale di Porto San Giorgio (Fermo) risale al periodo napoleonico. Il nome attuale gli venne dato da Papa Pio IX nel 1857 in occasione della visita del pontefice nel territorio fermano. Nel cuore dell’Adriatico, in posizione ideale per raggiungere la Croazia, la Marina di Porto San Giorgio da oltre 30 anni offre il piacere di un porto sicuro per una nautica di altissimo livello, nel massimo del comfort. E non manca il gusto.
 
Tra un bicchiere di Pecorino e un piatto di maccheroncini di Campofilone è possibile godere di una vacanza all’insegna dei prodott tipici marchgiani. La Marina è insignita sin dal 1987 della Bandiera Blu della Comunità Europea, per la qualità dei servizi e degli impianti e la balneabilità delle acque che la circondano.
 
La 39esima edizione della Festa del Mare, con tanto di padella gigante per un'usanza ormai diventata un "must" dell'estate sangiorgese, è stata un vero successo. L’edizione 2016, patrocinata dall'Assessorato al Turismo e alla Pesca,  si aprirà domenica 14 agosto con turisti, curiosi e appassionati che come ogni anno affolleranno il piazzale antistante Piazza Napoli, nel quartiere sud, proprio dove da anni viene ubicata la mega padella per la tradizionale frittura di scampi e calamaretti. 
 
Leggi anche: UN SECONDO DI PESCE CON LA BIRRA (Stile.it)
 
La padella ha numeri da Guinness dei primati: il manico misura 8 metri, il diametro 5 metri; al suo interno vengono versati circa 10 quintali d'olio, portato ad una temperatura di 180° da 32 becchi con 100 fuochi ognuno, sviluppando 360.00 kcal/h. Per l'occasione saranno all'opera decine di volontari, impegnati a svolgere il lavoro di infarinatura, frittura e distribuzione.
La Padella gigante può vantare di aver portato il nome di Porto San Giorgio in varie località italiane ed anche estere, come la Germania, l'Austria e la Svizzera.
 
La "Festa del mare" vuole ricordare un fatto accaduto nel 1795, quando i pescatori del luogo proclamarono uno sciopero contro i "paroni" delle barche che non intendevano aumentare la paga, nonostante i continui aumenti dei prezzi del grano: gli uomini decisero di non andare in mare fino a quando il Governatore di Fermo non avesse imposto prezzi più bassi per i generi alimentari di prima necessità e i padroni non avessero aumentato il salario. In questa occasione i capi della protesta, preoccupati dalle conseguenze sui bilanci familiari dell'interruzione del lavoro, proposero di unire le riserve alimentari di tutte le famiglie e di consumarle insieme, sulla spiaggia. Per questo fu ordinata la costruzione di un'enorme padella adatta per servire la moltitudine di paesani; dopo qualche anno la situazione si risolse e il lavoro riprese. Ma la tradizione della Padella gigante è rimasta.
 
 
Una nuova area destinata al parcheggio delle auto (adiacente lo stabilimento balneare Duilio) e stand gastronomici renderanno la festa del mare un vero successo sin dal mattino, quando all'interno del porto verrà celebrata la Santa Messa. Poi sarà la volta della tradizionale sfilata dei pescherecci con benedizione del mare e il lancio di una corona in onore dei suoi caduti. L’inizativa si colloca all'interno della manifestazione "Mare piceno in festa" e sarà l’occasione ideale per assaporare le fritture di pesce d uno dei tratti di mare più puliti dell’talia. 
 
sangiorgioturismo.it
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati