Cerca nel sito
HOME  / gusto
Genova Slow Fish 2011

A Genova pesce buono, pulito e sano

A tu per tu con chef, pescatori e specialità di mare nelle migliori osterie genovesi.

Genova il borgo marinaro di Boccadasse
©Shutterstock
Tutto ciò che ruota attorno al mare è protagonista di Slow Fish, uno degli appuntamenti organizzati da Slow Food legati a un nuovo modo di approcciare a ciò che si mangia. E visto che è protagonista l’universo ittico, non può che essere Genova la location migliore per ospitare l’evento. Senza girarci attorno, protagonista assoluto è il pesce, pesce buono, naturalmente, pulito e sano.

Esiste un forte squilibrio tra le scelte del consumatore e la situazione dei mari e delle risorse ittiche – ha sottolineato Roberto Burdese, presidente di Slow Food Italia – Gli ecosistemi acquatici e i sistemi economici e sociali dei territori costieri sono in grave crisi e Slow Food da diversi anni si occupa di queste problematiche. In particolare con Slow Fish, che è l’incontro tra pescatori, consumatori, chef, trasformatori, distributori, mondo scientifico e istituzioni, cerchiamo di sensibilizzare e informare il pubblico su queste tematiche”.

L’intento educativo nulla toglie ai piacevoli momenti che questa manifestazione gastronomica regala agli amanti del mare e buongustai come, ad esempio, gli incontri (novità del 2011) nelle Osterie dell’Alleanza dove si alterneranno una ventina di cuochi italiani e internazionali per presentare i migliori piatti preparati utilizzando prodotti che appartengono ai Presìdi Slow Food. Quest’anno poi, non saranno solo i padiglioni della Fiera di Genova ad ospitare i visitatori, ma l’evento coinvolgerà anche il centro storico dove prestigiose sedi ospiteranno incontri e conferenze, organizzate in collaborazione con il Festival della Scienza.

Immancabile nella tradizione di Slow Fish è lo spettacolo dei Teatri del Gusto che porta in scena grandi chef italiani e internazionali coinvolti per dare vere e proprie lezioni di cucina in diretta per il pubblico. Il calendario della kermesse prevede 20 appuntamenti dedicati in particolare ai pesci meno noti, quelli “senza prezzo”, e alle specie che presentano problematiche controverse, come anguille e ostriche. Sulla scia della campagna che fa da sfondo all’evento e che risuona al motto di “Mangiamoli giusti”, gli chef consiglieranno e distribuiranno ricette facilmente replicabili anche a casa per cucinare le specie neglette, secondo la formula collaudata dei Laboratori del Gusto.

Tra le novità del 2011 c’è lui: l’olio extravergine d’oliva, ingrediente principe della dieta mediterranea. Le degustazioni di pesce sono abbinate ai migliori oli della nostra penisola, selezionati tra quelli recensiti dalla Guida agli Extravergini pubblicata da Slow Food Editore. Niente di meglio che una scorpacciata di pesce per conoscere anche la città di Genova che dal Porto Antico fino alle strade del centro storico o lungo le antiche “creuse” (salite che dal mare portano alla collina), offre suggestioni incredibili. Tra le tante architetture legate al mare, c’è il simbolo cittadino la Lanterna che ospita un interessante Museo molto diverso dai musei tradizionali: approfondisci.

Vai alla GUIDA GENOVA


Leggi anche
I più golosi presidi Slow Food in giro per il mondo: le FOTO
Tra i mercati del mondo dove il cibo è slow
Slow travel tra viaggio e meditazione
Lo slow food approda in crociera


Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100