Cerca nel sito
Moldavia viaggi Chisinau cosa vedere

Moldavia: le cantine sotterranee più grandi del mondo

Alle porte della capitale moldava si possono ammirare oltre 2 milioni di bottiglie nelle Cantine da Guinness dei Primati

 Scorcio con parchi e torre campanaria
©iStockphoto
Chisinau, la torre campanaria della Cattedrale
Per molti  è conosciuta come la Città della Pietra Bianca: Chisinau, la capitale della Repubblica di Moldavia, dopo le devastazioni subite durante la Seconda Guerra Mondiale è una città ricca di splendide attrazioni. Non in molti sanno che detiene anche un primato. E’ inserita infatti nel libro dei Guinness per ospitare le più grandi cantine sotterranee del mondo. Nei circa 250 chilometri di cunicoli sotterranei si trovano più di due milioni di bottiglie, soprattutto di vino rosso locale, spesso tenute da parte per i vip (tra cui, si dice, la regina Elisabetta). Ecco, dunque, che può diventare meta ambita per gli appassionati di enoturismo che possono approfittare delle offerte proposte da volagratis.com. Il pacchetto che comprende volo di andata il 21 ottobre da Milando Bergamo Orio al Serio con ritorno il 23 da Chisinau più il soggiorno all’Edem Hotel parte da 377 euro a persona.

Leggi anche: LA MOLDOVA CHE NESSUNO SI ASPETTA

Il luogo migliore per incominciare il giro della città in mattinata è la zona centrale, anche se del centro antico rimane ben poco a causa dei bombardamenti. E’ qui che i più famosi parchi cittadini si fronteggiano. Si ammirano la Porta Sacra del 1841, nota anche come Arco di Trionfo; il Parcul Catedralei, ovvero il Parco della Cattedrale dominato dal principale edificio ortodosso, la Cattedrale della Natività di Cristo che si presenta con la torre campanaria del 1836; il Palazzo del Governo, maestoso edificio di fronte alla Porta Sacra, il Palazzo del Parlamento e il Palazo Presidenziale. Il mercato dei fiori, sul lato nord occidentale del parco, è aperto giorno e notte.

Si prosegue di pomeriggio alla Gradina Publica Stefan cel Mare si Sfint, il parco pubblico, la cui entrata è dominata da una statua di Stefano il Grande, eroe del paese. Nella parte nord orientale si trova il grande Cinema Patria, costruito dai prigionieri di guerra tedeschi nel 1947 e ancora in funzione. Per trascorrere un pomeriggio diverso il Mercato Centrale è una valida alternativa e permette di percorrere la vasta area lungo Str Mitpolit Varlaam. Il giorno successivo lo si può dedicare ai musei. Al Museo Storico Nazionale sono conservati manufatti provenienti dal complesso archeologico Orheiul Vechi. Molto interessante anche il Museo di Archeologia ed Etnologia, che contiene ricostruzioni di case tradizionali delle varie regioni della Moldavia. Per gli amanti della poesia è d’obbligo fare tappa al Museo Pushkin, situato accanto al cottage in cui il poeta originario della Russia trascorse i suoi tre anni di esilio, dal 1820 al 1823.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
  • La Moldova che nessuno si aspetta
    ©iStockphoto

    La Moldova che nessuno si aspetta

    E' un paese sconosciuto ai più che si presenta agli occhi del visitatore pieno di sorprese: scopriamo qualche curiosità
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati