Cerca nel sito
HOME  / cuore
Gualdo Cattaneo e dintorni itinerario romantico

Umbria, scoprire il borgo di Gualdo Cattaneo e i suoi castelli

Itinerario di castello in castello tra i borghi umbri con partenza da Gualdo Cattaneo

Panorama di Gualdo Cattaneo
©iStockphoto
Veduta panoramica di Gualdo Cattaneo
Non è un caso che Gualdo Cattaneo, in provincia di Perugia, sia conosciuto come il Borgo dei Castelli. Arroccato su una collina alle pendici dei Monti Martani gode di una suggestiva posizione panoramica e, oltre che per il magnifico castello, è celebre per tutta la serie di costruzioni medievali a carattere difensivo che ne definiscono il territorio. Ecco perché vale la pena visitarlo, magari con la dolce metà. Gli scorci che si possono godere semplicemente passeggiando all’interno delle sue mura quattrocentesche tolgono il fiato, immersi come sono nello splendido scenario naturale che li circonda La principale attrazione è la poderosa Rocca, costruita tra il 1494 e il 1498, che si presenta con la sua forma di triangolo equilatero con una torre corrispondente ad ogni vertice. Le tre torri sono collegate attraverso cunicoli sotterranei con le mura del castello.

Leggi anche: Ammirando la pianura umbra in 5 itinerari romantici

Ma la cittadina custodisce altri preziosi tesori, come la Chiesa di Sant’Agostino del 1136, la Chiesa dei Santi Antonino ed Antonino con le spoglie dei santi martiri o la Chiesa romanica di Sant’Andrea al cui interno si può ammirare un meraviglioso affresco della Crocifissione. Continuando sulla vena romanica si può esplorare il territorio circostante per rimanere sospesi nel tempo passando di castello in castello. Vicino a Collepepe si adagia la Valle del Puglia, dove scorre l’omonimo fiume: qui si erge il Castello di Pozzo che fa capolino tra il verde degli ulivi e si caratterizza per l’immutata atmosfera medievale. Su un colle sopra il fiume Puglia, il Castello di Cisterna Alta risale al XIII secolo ma il nucleo abitato che sorge nelle sue vicinanze si è formato nel corso dell’Ottocento. Proseguendo verso Giano dell’Umbria si incontra il Castello di Marcellano, le cui origini possono essere fatte risalire intorno al XII secolo, famoso soprattutto per il presepe vivente che coinvolge l’intero borgo.

Se il Castello di Saragano, vicino a San Terenziano, vanta origini longobarde, quello di Ceralto è celebre perché circondato da una meravigliosa aera di querce e cerri. A poca distanza da Gualdo il Castello di Barattano ha una struttura formata da un’ampia cinta muraria caratterizzata dalla porta d’ingresso medievale, superata la quale si dipanano una serie di caratteristici vicoli e gli alti torrioni. Altrettanto bella è la porta di ingresso del Castello di Torri, sormontata dallo stemma dell’aquila di Todi. Sul versante opposto il Castello di San Terenziano venne eretto nel XIV secolo a tradizionale a pianta quadrata, utilizzando la pietra locale. Le coppie che desiderino ancora lasciarsi incantare da atmosfere magiche possono proseguire verso il Castello di Grutti, a metà strada tra Massa Martana e Todi, il Castello di Speltara, sulla strada S.Terenziano – Collazzone, il Castello di Simigni, vicino alla frazione di Bastardo.
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione Umbria
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati