Cerca nel sito
HOME  / cuore
Atrani attrazioni e ristoranti

Atrani, il più piccolo comune d'Italia che fa innamorare

In provincia di Salerno, un luogo idilliaco che si sviluppa su un solo kmq in una tipica architettura medievale. Ideale da scoprire in due

Panorama di Atrani
©Starnetwork.it
Veduta panoramica di Atrani, Costiera Amalfitana
Tutti conoscono Amalfi, ma in pochi sanno che, a soli 759 metri dal suo centro, si trova un altro centro cittadino che in realtà è ben distinto da quello della più celebre località della costiera partenopea e che spesso non viene mai menzionato vista la distanza a dir poco irrisoria. Eppure Atrani, inserito nel circuito dei Borghi più Belli d’Italia e Patrimonio Mondiale dell’Umanità, pur se con una manciata di abitanti vanta un guinnes dei primati: è infatti il più piccolo comune italiano per superficie, con appena un chilometro quadrato. Unico nel suo genere, devastato dalla terribile alluvione del 2010, si presenta con la tipica architettura medievale ed una graziosa spiaggetta che, assieme ad una ripida parete rocciosa, stringe l’abitato regalando ai visitatori un’immagine da presepe.

Leggi anche: AUTUNNO IN COSTIERA AMALFITANA 

Il suo biglietto da visita è proprio il suggestivo panorama, data la posizione fortunata: non solo la breve distanza da Amalfi raggiungibile a piedi, ma anche il promontorio roccioso che lo nasconde e lo fa vivere come un mondo a se, con la stretta valle del fiume Dragone che si adagia alle spalle che leggenda vuole sia stata nascondiglio di un drago sputafuoco. Ecco dunque una destinazione perfetta da scoprire in due, giungendo proprio dalle frenetiche attività della Costiera Amalfitana per godere della tranquillità degli antichi vicoli, dei cortili, degli archi e della piazzetta di Atrani. Nonostante le piccole dimensioni, il borgo ha molto da offrire, soprattutto per una passeggiata romantica, che può iniziare dalla chiesa di San Salvatore de Birecto, dove avveniva l’incoronazione delle massime autorità governative: rimaneggiata in stile neoclassico, la chiesa risale in realtà al 940 e contiene un pluteo marmoreo della fine dell’XI secolo.

Leggi anche: COSTIERA AMALFITANA: 3 IMPERDIBILI TAPPE DEL BENESSERE

Sulle pendici del monte si trova invece la collegiata di Santa Maria Maddalena, sorta nel XIII secolo come ringraziamento degli atranesi alla Madonna per averli liberati dai predoni saraceni, la cui cupola maiolicata e la torre campanaria a pianta quadrata sono diventate il simbolo del panorama di Atrani. Accanto alla chiesa si trova la Grotta di Masaniello, al di sotto della quale è situata la casa materna del celebre capopopolo napoletano, costruita in cima a 500 scalini. Sopra la strada che collega Atrani con Amalfi c’è la Grotta del Santi, che anticamente faceva parte di un monastero: l’entrata si apre su un terrazzamento coltivato a limoni e le pareti sono decorate con affreschi in stile bizantino. Per concludere la giornata assaporando i piatti della tradizione il Ristorante Le Arcate (Largo Orlando Buonocuore; www.learcate.net) si affaccia direttamente sulla spiaggia e si propone con il suo ineguagliabile panorama e l’interno dall’ambiente caratteristico. 
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati