Cerca nel sito
HOME  / cuore
Caprarola itinerario romantico

Lazio, fuga romantica a Caprarola

Tra i verdi boschi di noccioleti la cittadina del Palazzo Farnese offre suggestive atmosfere, perfetti per le coppie

Veduta di Caprarola
©iStockphoto
Panorama di Caprarola
In un territorio ricco di attrazioni artistiche, naturalistiche ed enogastronomiche, Caprarola può essere un’idea perfetta per una gita romantica fuori porta. Ci troviamo nella provincia di Viterbo, sul versante orientale dei Monti Cimini, ima una zona circondata da verdi boschi di noccioleti, famosi per produrre una delle migliori qualità di nocciole in Italia. Qui si fondono storia etrusca e medievale che hanno lasciato diverse testimonianze. Già dalla struttura urbanistica si evince una città particolare: nel Cinquecento l’architetto Jacopo Barozzi da Vignola è intervenuto sull’assetto cittadino. Ecco, dunque, che una passeggiata mano nella mano non può che procedere per la strada principale detta Via Dritta da cui partono tutte le strade consolari terminando sulla piazza dove sorge Palazzo Farnese.

Leggi anche: Giardini di Palazzo Farnese, capolavoro su due livelli

Per costruire l’imponente edificio parte dell’antico borgo venne distrutta ma il risultato ottenuto fu un’opera architettonica di cosi grande pregio da essere diventata il simbolo di Caprarola. Racchiude infatti la sintesi dell'arte cinquecentesca italiana, dalla spettacolare Scala Regia del Vignola alla narrazione dinastica degli affreschi in cui si celebra l'ascesa al potere della famiglia Farnese, dal mito di Ercole alle vicende bibliche, dallo stupefacente cortile circolare alla stanza del mappamondo. Oltre Palazzo Farnese vale la pena visitare la Chiesa di Santa Teresa, dall’imponente e particolare facciata in peperino lavorata, sormontata da gigli farnesiani. Al suo interno, ad una sola navata con tre altari, sono conservate opere di grande pregio, tra cui alcune tele del Veronese e un ritratto di Odoardo Farnese.

Scopri Viterbo e dintorni

Si può poi continuare lungo il sentiero di secolari abeti bianchi che porta al Parco Monumentale, vera oasi romantica ricamata da siepi di bosso, sculture, fontane, giochi d’acqua. Altrettanto suggestiva la passeggiata tra i boschi della vicina Riserva Naturale del Lago Vico dove, tra secolari faggi oppure lungolago, si possono ammirare il tramonto e gli uccelli migratori che svernano nella riserva. Non si può venire da queste parti senza considerare una sosta gastronomica per assaporare i piatti della cucina tipica locali, come gli antipasti di salumi e formaggi caserecci, la pasta fatta in casa, il superbo olio extra vergine di oliva, i secondi di carne e verdure grigliate, tutto accompagnato dai vini di Tuscia, ed infine i famosi dolci alle nocciole e alle castagne dei Cimini. All’Hostaria della Rosa, in pieno centro storico, la cucina casereccia genuina è una garanzia della trattoria tipica capace di accontentare anche i palati più esigenti. 
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100