Cerca nel sito
HOME  / cuore
Emilia Romagna weekend coppia Parco Boschi di Carrega 

Sala Baganza: innamorarsi tra i boschi di Carrega

L’amore va a passeggio alla scoperta dei colori più veri della natura al Parco Regionale dei Boschi di Carrega tra foliage e sapori ghiotti della terra

B&B Il Richiamo del Bosco
Courtesy of©B&B Il Richiamo del Bosco
B&B Il Richiamo del Bosco
Quando si parla di autunno, la mente vola lontano, immaginando lo spettacolare foliage che si vive passeggiando tra i viali del Central Park, iconico parco di New York o ancora tra i boschi del Vermont o nel Maine, realtà pittoresche dipinte da magiche sfumature che vanno dal giallo al rosso passando per l’arancione. Non c’è però bisogno di volare così lontano per lasciarsi emozionare dai caldi colori della terra: anche in Italia è possibile ritagliarsi momenti romantici a tu per tu con paesaggi in grado di raccontare l’irresistibile fascino di questa stagione: succede a Sala Baganza, comune in provincia di Parma, noto ai più per essere la terra del Prosciutto di Parma, del Parmigiano Reggiano nonché zona di produzione del vino Malvasia ma, per chi non lo sapesse, è anche la terra del Parco Naturale dei Boschi di Carrega, un’area protetta di particolare pregio naturalistico e storico-culturale dove godere di una pace senza tempo.

Il Parco, sito a soli 15 km da Parma, è caratterizzato da pendii dolci e distanze ridotte, è dunque una soluzione alla portata di tutti che permette di organizzare piacevoli escursioni dal ritmo slow, pronti a familiarizzare con quei 1270 ettari di meraviglie dove, a contedersi la scena, piccoli rivoli, laghetti, radure, castagni, sequoie, pini silvestri, querce rosse, conifere e ancora cespugli, arbusti e brughiere. 

LEGGI ANCHE TREKKING CON IL FOLIAGE: I 5 ITINERARI PIU' SPETTACOLARI
 
La scenografia è quella giusta per innamorarsi del fascino delle piccole cose e sperimentare così, da vicino, il significato dell’autunno e del mutare delle stagioni: rapiti dalla magia del contesto, chi ama la legna e il fai da te può unire l'utile al dilettevole in quanto, dallo scorso 20 ottobre 2015, è possibile prendere parte al Corso di falegnameria organizzato dall’Associazione Manifattura Urbana, in collaborazione con i Parchi del Ducato che, in 12 incontri gratuiti, permette di apprendere le proprietà dei legni di diverse essenze e l’utilizzo degli attrezzi del mestiere. L’appuntamento è tra le sale del Centro Parco Casinetto e del Museo dei Boschi là dove lasciarsi indottrinare da Pietro Miodini, collaboratore volontario del Parco in attività di divulgazione e promozione delle tradizioni legate alla gestione e manutenzione del bosco.
 
Le buone forchette sanno bene che l’autunno oltre a riempire gli occhi di scorci mozzafiato è anche una stagione ghiotta per la gola: all’agriturismo La Macchia Tonda a Vallerano di Calestano, una vera e propria oasi di tranquillità sita ai piedi del Monte Sporno in un contesto naturalistico incontaminato, è il posto giusto per godere in maniera spensierata delle delizie della tipica cucina parmigiana. Ad andare in tavola sono prodotti provenienti quasi interamente da aziende agricole della zona, preferibilmente con certificazione bio: a spiccare dal menu sono soprattutto ricette a base di tartufo nero di Fragno, da conoscere prendendo parte a visite guidate in tartufaia, con possibilità di acquisto del pregiato fungo direttamente in azienda. Ottima scelta anche la Locanda Mariella di Fragnolo là dove, a fare la differenza, è soprattutto la carta dei vini, biologici e biodinamici, suggeriti dai padroni di casa Mariella e Guido, secondo gusti e pietanze ordinate.
 
Per soggiornare immersi nella natura e nella tranquillità del Parco Regionale, a garantiere atmosfere romantiche è un B&B fuori dal comune, il Richiamo del Bosco, una casa nel bosco avvolta da 1100 ettari di verde tra querce, faggi, castagni e rovere: tutto qui è eco-friendly in quanto è stato realizzato in perfetta armonia con l’ambiente circostante seguendo i principi della bio architettura. Basta dare uno sguardo agli interni: facendo tesoro di materiali di recupero sono stati infatti realizzati gli arredi come i mobili del bagno, creati con vecchie casse di vino o gli specchi incorniciati da persiane in disuso, un tavolo da pranzo ricavato dalle assi dei ponteggi, un letto a baldacchino realizzato con legni secchi trovati nel bosco etc., il tutto non fa che rendere il pernotto autentico, unico e speciale.
 
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati