Cerca nel sito
HOME  / cuore
Apricale Liguria italia romantica

Apricale, sfumature romantiche tra i carrugi

Arroccato tra boschi di ulivi, il borgo ligure è noto per il Castello della Lucertola e per le scenografiche suggestioni che regalano vicoli e scalinate

borgo di Apricale<br>
© iStock
Borgo di Apricale
Conta poco più di 600 abitanti il comune di Apricale, in provincia di Imperia, piccolo borgo che sorge in una posizione scenografica tra i boschi di ulivi a due passi dalla Francia. Già il nome dice tutto: deriva da Apricus, ovvero soleggiato, esposto al sole, e proprio la sua ubicazione ne fa una caratteristica fondamentale. Disposto intorno alla piazzetta, il paese possiede un’anima a scale, in quanto i vecchi edifici in pietra si sviluppano in altezza su più piani e non è raro trovare situazioni in cui l’ingresso è posto al piano alto e per arrivare alle stanze bisogna scendere le scale.

Leggi anche: VALSINNI, IN BASILICATA IL BORGO DELLA POESIA

Per scoprire questo luogo unico, ideale per meditare, riposare o trascorrere momenti speciali in due, si parte dalla piazza dove sorgono l’Oratorio di San Bartolomeo, al cui interno si ammira un bel polittico rinascimentale raffigurante la Madonna della Neve, e la Chiesa Parrocchiale, di origine medievale ma quasi interamente rifatta nel XIX secolo. A troneggiare in alto si impone il Castello della Lucertola, completamente restaurato, adibito a contenitore culturale e sede del  Museo della Storia di Apricale, dove il giardino pensile è circondato da una notevole cinta muraria con tre belle porte ad arco. Eretto dai Conti di Ventimiglia e appartenente in seguito alla famiglia dei Doria, il castello feudale subì nel corso dei secoli diversi rimaneggiamenti ed oggi ospita anche una sezione permanente dedicata ad un celebre personaggio di Apricale, regina della Belle Epoque: la Contessa Cristina Anna Bellomo, la cui vita avventurosa in giro per l’Europa terminò tragicamente spezzata dal marito.

Guarda le foto de I BORGHI PIU' ROMANTICI D'ITALIA

Non può mancare, ai piedi del borgo, la visita alla Pieve di Santa Maria degli Angeli, dove si possono ammirare pregevoli affreschi rinascimentali e barocchi e, appena fuori, la Chiesa di Sant’Antonio Abate, del XIII sec. con facciata barocca, e le rovine di San Pietro in Ento, pieve romanica di origine benedettina, il più antico edificio di culto del territorio. Dopo l’affascinante passeggiata tra i vicoli e le scalinate del borgo, se è lo stomaco a richiamare l’attenzione, si può optare per una cenetta romantica al Ristorante La Favorita (Strada San Pietro 1; www.lafavoritaapricale.com), dove le enormi vetrate ad arco stile inglese offrono uno sguardo immerso nella vallata e il caminetto incastonato nella sala, sempre acceso, dona la giusta atmosfera e delizia gli ospiti sfornando prelibatezze locali. Per trascorrere momenti di pace e tranquillità la struttura dispone anche di sei comode camere a tema floreale, complete di ogni comfort.

*****AVVISO AI LETTORI******  
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione Liguria
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati