Cerca nel sito
Vicenza, città del Palladio

Vicenza, la città del Palladio

A Vicenza si respira un'aria particolare, sicuramente unica. Sarà perchè la città è un vero trionfo del Rinascimento italiano. Sarà per l'atmosfera dolce e allo stesso tempo ricca di storia e di cultura. Intanto l'Unesco ha deciso di metterla sotto la sua tutela.

Vicenza
Con i suoi bellissimi palazzi, i ponti antichi, le piazze, Vicenza è un museo a cielo aperto. Conosciuta da molti come la città del Palladio, che vi ha realizzato le sue opere più belle, è un piccolo gioiello intarsiato dalle caratteristiche case e stradine tranquille. Alle sue spalle le Prealpi Venete, di fronte il Monte Berico verde collina coperta di cipressi. Vicenza è una fra le più antiche città del Veneto. Fondata dagli Euganei, viene conquistata dai Romani e chiamata "Vicetia". Diventata comune nel medioevo, nel 1404 si consegna a Venezia. Il Cinquecento è il suo secolo d'oro: Palladio nel suo stile classico progetta e realizza opere immortali. Tra queste, ammiriamo estasiati la Basilica, costruzione laica nonostante il nome, uno degli edifici rinascimentali più belli d'Europa. Sorprendente il soffitto a carena di nave dell'ampio salone gotico. Villa Almerico Capra di Valmarana, detta la Rotonda, semplicissima, un cubo sormontato da una cupola, è la più famosa delle ville progettate dal Palladio. Il Teatro Olimpico, ultima opera dell'artista completata dallo Scamozzi e ancora sede di rappresentazioni, è fatto interamente in legno e stucco secondo i canoni dell'antichità classica. Non da meno è Palazzo Da Schio soprannominato la "Cà d'Oro" gioiello di architettura gotico-veneziana del Tre-Quattrocento. Poco distante sorge la Casa del Palladio, dimora del famoso architetto. Alle porte della città c'è Villa Valmarana ai Nani con la parete principale ornata con figure di folletti e all'interno affreschi di Giambattista Tiepolo. Si può raggiungere con una breve passeggiata dalla Basilica di Monte Berico costruita alla fine del 1600 in stile barocco da Carlo Borrella. Da vedere, anche se non è visitabile all'interno Casa Pigafetta, edificio di stile gotico-spagnolo dai caratteristici balconi veneziani dove nacque il famoso navigatore Antonio Pigafetta che compì il giro del mondo insieme a Magellano nel 1500. Il Museo Civico ospitato a Palazzo Chiericati altra opera del Palladio, raccoglie dipinti e sculture (secoli XIII - XIX) di artisti famosi, come Veronese, Tintoretto e Tiepolo e una preziosa collezione di disegni del Palladio. Ci sono poi il Museo naturalistico e Archeologico allestito nei chiostri della chiesa di S. Corona e il Museo del Risorgimento e della Resistenza vicino Monte Berico, teatro nel 1848 della resistenza agli austriaci. Vicenza è anche città dell'oro e dei gioielli, vi si tiene infatti una famosa fiera. Piatto tipico è il raffinatissimo baccalà cotto "alla vicentina". Un tempo le osterie preparavano questo piatto per il venerdi accompagnandolo con fumanti "panari" di polenta. Ma tante sono le prelibatezze con cui questa città ci accoglie: oltre ai "Risi e bisi", riso e piselli, i "Bigoli co' l'arna", grossi spaghetti conditi con salsa d'anitra. E poi "Risotto coi bruscandoli", le cime tenere del luppolo; i "Corgnoi alla vicentina" lumache fatti col soffritto di lardo, spezie e polenta.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati