Cerca nel sito
Ungheria Abbazia di Pannonhalma

Ungheria, l'Unesco dell'Abbazia di Pannonhalma

Un monumento ricco di opere preziose immerso in un panorama mozzafiato

Ungheria Patrimoni Unesco
©iStockphoto
Ungheria, l'Abbazia di Pannonhalma Patrimonio Unesco
Tra i Patrimoni dell’Umanità che l’Unesco ha riconosciuto in Ungheria l’abbazia di Pannonhalma è uno dei monumenti più antichi di tutto il paese. Venne infatti fondata nel 996 grazie al principe Géza, che scelse proprio Pannonhalma come sede dell’ordine benedettino ungherese. L’edificio, nell’arco dei secoli, venne distrutto e ricostruito diverse volte e con svariati stili architettonici per poi essere abbandonato durante l’occupazione ottomana. In seguito, venne rinnovato secondo lo stile barocco e infine fu ultimato nel 1832, attenendosi ai principi del classicismo. E’ il secondo monastero del mondo per dimensione preceduto solo dall’Abbazia di Montecassino.

In Ungheria vieni a scoprire Budapest

Sorge sul Colle di San Martino, da cui il panorama circostante abbraccia tutto il circondario di paesini e cittadine. Il colle è stato chiamato cosi perché si crede che nei pressi sia nato San Martino di Tours. Passeggiando nel parco del monastero, vale la pena salire sulla torretta panoramica di legno da cui la vista è mozzafiato. L'interno della chiesa è una commistione di stili: navate gotico-francesi, cappelle rinascimentali, arredi in stile Luigi XVI, una cripta romanica del XIII secolo. Di particolare interesse il portale romanico conosciuto con il nome di Porta reale o Porta Speciosa, da cui si accede al chiostro. Altri luoghi da non perdere sono la cappella di Santo Stefano, il refettorio decorato con affreschi prospettici e l'archivio probabilmente più ricco d'Ungheria per la rarità dei documenti raccolti. La biblioteca abbaziale consta di 350 mila volumi compresi manoscritti di rara bellezza, incunaboli e codici miniati. Nelle altre sale si ammirano collezioni di numismatica, di antichità classiche, pietre, intagli e una notevole pinacoteca.

Cosa sapere sul Gulsch, che affonda le proprie radici europee in Ungheria

Tra le curiosità c’è da sapere che all’interno dell’abbazia si trova anche un’università di teologia, la scuola secondaria adibita a collegio maschile che risulta essere uno dei più importanti d’Ungheria e il luogo vanta una discreta produzione vinicola grazie ad un’area di 2000 mq coperta da vigneti che producono varietà come Riesling, Sauvignon, Gewurztraminer ma anche Chardonnay, Pinot Bianco,  Pinot Nero, Merolet e Cabernet Franc. Il paese di Pannponhalma si trova a pochi chilometri dal capoluogo della contea Gyor, considerata la città dei fiumi perché collocata proprio sul punto d’incontro di tre fiumi. E’ una piacevole escursione da fare grazie alla presenza di un centro storico ricco di bellissimi edifici barocchi, di musei e di viali romantici che costeggiano il fiume a cui si aggiungono i ricordi della sede vescovile millenaria che ne fanno un angolo d’Ungheria tutto da scoprire. 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per Paese Ungheria
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100