Cerca nel sito
Ziggurat Sardegna Monte d’Accoddi

Una ziggurat in Sardegna: Monte d’Accoddi

Un sito archeologico prenuragico unico ma dalle origini incerte

Monte d'Accoddi
Di Gianf84 di Wikipedia in italiano, CC BY 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6303454
La 'zuggurat' di Monte d'Accoddi
La Sardegna è una regione eccezionalmente ricca di siti archeologici antichissimi, dai nuraghe alle testimonianze ancora più antiche, risalenti all’età prenuragica (menhir, necropoli, luoghi di culto preistorici). Ma ce n’è uno che suscita particolare curiosità, trattandosi di un sito che ospita un tipo di architettura che di solito si associa all’antica Mesopotamia, non certo alla Sardegna. A Monte d’Accoddi infatti si trova quella che spesso viene definito una ziggurat, un edificio di base quadrata che si eleva in modo piramidale.

LEGGI ANCHE: LA GEO ENERGETICA DELLE TOMBE DEI GIGANTI
 
Il sito si trova a poche decine di chilometri da Sassari, nella regione della Nurra. E’ composto da una struttura assolutamente singolare, che non ha altri riscontri né in Europa né nel Bacino Mediterraneo. E che morfologicamente si accosta molto più alle sovrapposizioni architettoniche mesopotamiche. La ziggurat ha una base di 37 metri per 30, e si eleva per 9 metri grazie a una muratura leggermente inclinata, che all’epoca doveva arrivare a 36 metri. Sul lato sud, si sviluppa la rampa di accesso lunga circa 40 metri. All’interno sorgeva il tempio, che custodiva gli ambienti sacri della struttura, di cui oggi rimangono alcuni pezzi di pavimentazione. La particolarità della costruzione sta, oltre che nel design, nella tecnica costruttiva, della quale non si hanno altre testimonianze in Sardegna. 

LEGGI ANCHE: LE ROVINE MOZZAFIATO DELLA SARDEGNA FENICIO-PUNICA
 
Oltre alla ziggurat nel sito di Monte d’Accoddi si trovano un dolmen, un menhir, una lastra. Monumenti completamente diversi dalla ‘piramide’. Il sito è tutt’oggi un grattacapo per gli studiosi. Molto probabilmente appartenente alla cultura Abealzu-Filigosa, sviluppatasi in Sardegna tra il 2700 e i 2400 a.C. Innalzatori di monumenti megalitici, che tuttavia non hanno lasciato ai posteri certezze né sull’utilizzo, né sulla funzione, né tantomeno sull’origine del nome. Molte le teorie, tra cui quella della corrispondenza tra il sito e alcune costellazioni visibili dall’area 5000 anni fa. 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati