Cerca nel sito
Gerace - Calabria

Una visita a Gerace

Chi avesse occasione di soggiornare per qualche giorno a Reggio Calabria non dovrà rimandare una gita a Gerace, graziosa cittadina poco distante dal capoluogo calabro, degna di interesse per le sue bellezze monumentali e paesaggistiche.

Gerace
courtesy of © Re.Ci.L.
Chi avesse occasione di soggiornare per qualche giorno a Reggio Calabria non dovrà rimandare una gita a Gerace, graziosa cittadina poco distante dal capoluogo calabro, degna di interesse per le sue bellezze monumentali e paesaggistiche. Un tempo fiero comune libero d\'Italia, tra i primi della penisola, Gerace ha ripetutamente difeso nei secoli scorsi la propria autonomia pagando il prezzo di numerose battaglie contro invasori turchi e normanni. Secondo la leggenda nel 915 i sopravvissuti ad una terribile invasione saracena su Locri, si trasferirono sotto la guida di uno sparviero, su un\'altura e ivi fondarono Gerace. Da qui il nome alla città: lo stemma comunale della città rappresenta infatti un ierax (sparviero). Che gerace sia sempre stato un luogo ricco di sacralità lo dimostra anche il fatto che nel XVIII secolo nella città si contavano oltre sessanta chiese, otto conventi e diversi monasteri. Suddivisa in cinque aree urbane (il Castello, la città, il Borghetto, il Borgo Maggiore e la Piana) Gerace e i suoi dintorni portano i segni di un\'urbanizzazione che ha origini lontane nel tempo. Poco distante dall\'attuale centro abitativo è infatti possibile visitare i resti di una necropoli che risale ad epoche diverse e che conserva tracce di tre periodi distinti. Sono state rinvenute nell\'area archeologica ceramiche del IX secolo a.C. (riconoscibili per la particolare caratteristica ad impasto grezzo), corredi indigeni e di importazioni risalenti al VII secolo a.C. e prodotti di fattura greca e italiota datati al VII secolo a.C.. Ma è soprattutto il caratteristico centro storico di Gerace ad attirate l\'attenzione del visitatore. Per avere il colpo d\'occhio della città e per godere di un suggestivo panorama si consiglia di raggiungere il Baglio, nome con cui gli abitanti chiamano lo spazio antistante al Castello della città: da qui si ammira un paesaggio naturale di incantevole bellezza, straordinario per i colori e per la varietà delle forme orografiche. Lasciato alle spalle il Castello si consiglia di dirigersi in direzione della Cattedrale normanna, dove è possibile visitare la prigione dei cinque martiri di Gerace, il portale di Lucifero e poco distante il palazzo municipale ricco di decori marmorei. La Cattedrale risale al 1045 e consta di tre navate ciascuna delle quali è abbellita da 13 colonne provenienti, secondo gli studiosi, dai templi della vicina Locri. Scendendo poi lungo la via Catello si raggiungono la Chiesa di San Franncesco e le vicine Chiese di San Giovannello e del Sacro Cuore. Cuore pulsante della città sin dai tempi antichi è senza dubbio la Piazza del Tocco, vero e proprio salotto dove gli abitanti sono soliti riunirsi nel tempo libero per godere dell\'aria aperta. Sulla piazza si affacciano alcuni tra i più bei palazzi signorili della città, a cominciare da Casa Furci per continuare con Casa Migliaccio e l\'abitazione storica del Barone Macrì. A due passi dalla piazza è possibile ammirare il Palazzo della Città un tempo sede dei feudatari della zona. Secondo l\'etimologia del termine che dà il nome alla piazza (\"tocco\" deriverebbe dal greco \"thòkos\", che significa seggio, assemblea), lo spazio è da sempre eletto a luogo d\'incontro cittadino. Secondo altri invece il termine \"tocco\" starebbe a significare \"beretto\" del magistrato e, stando a questa derivazione, Piazza del Tocco significherebbe Piazza di Giustizia. Per altri ancora \"tocco\" richiamerebbe il suono della campagna che a Gerace chiamava a raduno i membri del parlamento.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per territorio
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100