Cerca nel sito
Brugnato Liguria cosa vedere 

Una gita a Brugnato ...e non solo per l'Infiorata

Il borgo ligure si propone ai visitatori con diverse attrazioni ma è conosciuto soprattutto per l'Infiorata del Corpus Domuni

Piazza di Brugnato
©La Mia Liguria.it
Centro storico di Brugnato con le case colorate
In molti si recano a Brugnato, in provincia di La Spezia soprattutto per la bella opportunità che offre in fatto di shopping, grazie alla presenza del Brugnato 5 Terre Outlet Village, dove con oltre 70 negozi di grande firme c’è davvero l’imbarazzo della scelta per fare acquisti convenienti, con sconti dal 30 al 70%. Ma questo antico borgo la cui origine si deve ai monaci di Colombano, che nel VII secolo fondarono un’abbazia, vanta anche un interessante centro storico con diverse testimonianze del suo passato, che ha visto, tra le altre vicende, anche le aspre lotto tra guelfi e ghibellini, il dominio di famiglie nobili come i Malaspina e i Fragoso fino alla supremazia della Repubblica di Genova. Un particolare curioso riguarda l’origine del nome, che pare derivi da Aprumacum, trasformazione di prunus che indica l’albero di susine, in dialetto chiamate brigne: ancora oggi alberi di susine crescono spontanei nella pianura. 

Albero di susine

Quattro passi nel borgo
Il borgo di Brugnato è raccolto tra pendici collinari ed è considerato uno dei centri più importanti della Val di Vara grazie alla sua tradizione storica e agli edifici monumentali che si possono ancora oggi ammirare. Il nucleo antico, costruito a struttura anulare allungata, conserva portali rinascimentali in pietra lavorata. Esso gravita intorno alla Cattedrale dei Santi Pietro, Lorenzo, Colombano, con annessa un’antica basilica ricostruita nell’ottavo secolo dai monaci benedettini come chiesa abbaziale. L’edificio religioso (nella foto sotto l'interno), a due navate, sorge sui resti di due chiese preesistenti e  si distingue specialmente per le maschere apotropaiche, quelle che servivano per allontanare gli spiriti maligni, e gli affreschi dove spicca la Presentazione di Gesù al Tempio: vi si riconoscono il Sacerdote, al centro, con Maria e Giuseppe che offrono il Bambino Gesù su di un vassoio, insieme a due colombi. A destra sono riconoscibili San Francesco e San Lorenzo. Particolarmente interessante è anche il complesso archeologico, rinvenuto già negli Anni Cinquanta, che oggi è visitabile e lasciato a vista tramite cristalli posizionati sul pavimento moderno. Altri resti, quello di una chiesa di cui si riconoscono i muri perimetrali, la pavimentazione in conto e un fonte battesimale, sono visibili sotto la navata maggiore.
 
Altare maggiore della Cattedrale dei Santi Pietro, Lorenzo e Colombano

Adiacente alla Cattedrale si trova il Palazzo Vescovile il cui percorso è inserito all’interno della visita comprendente il Museo Diocesano diviso in due sezioni, quella archeologica al pian terreno e quella diocesana ai piani superiori, dove si trovano il salone di rappresentanza, lo studio e la camera da letto del vescovo. All’inizio del borgo si erge l’Oratorio di San Bernardo, anch’esso risalente all’epoca abbaziale: sede dell’antica ed omonima Confraternita, è sorto con tutta probabilità come luogo di preghiera per i viandanti ospitati nel vicino ospizio. Dell’oratorio dei Santi Rocco e Caterina, presso Porta Sottana, a oriente del centro storico, resta solo il bel portale in pietra arenaria. Il monastero, con l’attigua chiesa di San Francesco, furono terminati nel 1635 e si fregia di un ampio chiostro quadrato con tre dormitori, un refettorio e una biblioteca: la piccola chiesa ad una sola navata vanta ben cinque altari marmorei e diversi dipinti che risalvano al XVII e al XVIII secolo In collina, a pochi chilometri dal paese, il santuario di Nostra Signora dell’Ulivo, (nella foto sotto la facciata), la cui attuale costruzione risale al Seicento, trae origine da uno dei tanti oratori che i monaci dell’antica abbazia di Brugnato costruivano nei loro possedimenti per pregare e officiare nelle ore diurne. Presso il cimitero di Borghetto Vara si trova la piccola Chiesa dell’Accola che, di epoca longobarda, mantiene alcuni tratti distintivi tra cui il portale, i muri e le mensole in pietra arenaria e begli affreschi. Passeggiando tra i vicoli si possono ammirare case dipinte di diversi colori, con portali in pietra arenaria, tipica della zona della Lunigiana, le piazzette e vicoli caratteristici. Da notare anche la presenza di archi antisismici e dei resti delle murature medievali. Si può arrivare al centro città anche  dalla porta Maestra o “della Chiocciola” che porta all’oratorio di San Bernardo e alla Piazza Maggiore. Importante è il ponte romanico sul fiume Vara, di probabile origine romana, che costituiva il collegamento tra l’Appennino e il mare, lungo la strada altomedievale che da Pontremoli conduceva a Sestri Levante.

Santuario di Nostra Signora dell'Ulivo, esterno 

La celebre Inforiata
L’evento più importante del borgo, che prevede ogni anno molta partecipazione, è l’Infiorata del Corpus Domini, dove religione ed arte vanno a braccetto grazie al variopinto tappeto di quasi un chilometro di lunghezza costituito da fiori che compongono disegni e creazioni celebranti Gesù nell’Eucarestia. Per tutto il giorno dell’Infiorata il paese si presenta vestito a festa, con menù dedicati nei ristoranti e nelle osterie e con laboratori ed attività per tutti. Non manca un mercatino di strada con cibo e prodotti artigianali, perfetto per assaggi volanti mentre si ammirano i meravigliosi colori del tappeto floreale. 

Infiorata del Corpus Domini

I dintorni
La zona è quella immersa nello scenario naturale del Parco Montemarcello-Magra, dimora segreta dell’airone cinerino, e a due chilometri dal centro storico si trova la frazione di Bozzolo, con l'antico castello dell’abbazia di Brugnato, posto sulla collina a difesa della piana. Fu costruito nel 1179 grazie a un accordo tra il vescovo di Brugnato e i Genovesi. Il fiume Vara è uno dei pochi corsi d’acqua liguri con rapide che consentono di cimentarsi con la canoa acrobatica, il rafting e discipline analoghe, mentre chi ama camminare ha a disposizione diversi circuiti di trekking. La sua posizione baricentrica nella valle, Brugnato permette di raggiungere in breve tempo Pisa, Parma, Genova e il Parco delle Cinque Terre.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Liguria
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati