Cerca nel sito
Treviso Palazzo dei Trecento

Treviso, cosa rende speciale il Palazzo dei Trecento 

Nel corso della sua storia l'edificio più importante della città è cambiato radicalmente

Facciata
©iStockphoto
Esterno del Palazzo
E’ una delle architetture più importanti del centro storico di Treviso e si affaccia direttamente su Piazza dei Signori: il Palazzo dei Trecento, conosciuto anche come Palazzo della Ragione, è stato edificato intorno al 1185 allo scopo di disporre di una sala per assemblee in cui vi si potessero radunare molteplici rappresentanze ma fu interamente completato nel 1268 con l’aggiunta del carcere attiguo. La sua storia lo ha visto trasformarsi in Tribunale dei Consoli, luogo di pubbliche assemblee, sede del Consiglio amministrata dal Podestà, sede del Maggior Consiglio composto da trecento membri: quest’ultimo è il nome con cui ancora oggi è conosciuto.

Leggi anche: Treviso, suggestioni d'amore tra scorci inaspettati 

L’edificio ha assunto una particolare importanza anche perché è attorno a questo luogo che iniziò a svilupparsi la vita economica della città. Infatti presto sorsero numerosissime botteghe: basti sapere che nel 1546 ce n’erano 44 soltanto sotto il Palazzo. Nel corso del tempo fu oggetto di numerosi restauri, uno dei più importanti datato 1552, anno in cui subì molteplici modifiche perdendo l’aspetto originale. Ma i danni più gravi avvennero con i bombardamenti del 1944, a causa dei quali si pensò anche di demolirlo. Grazie all’intervento del soprintendente di Treviso si riuscì a restaurare le pareti superstiti e a ricostruire tutte le parti crollate. Furono eliminati i merli ghibellini e sostituiti con quelli di tipo guelfo. Esternamente uno degli elementi architettonici che ha subito maggiori cambiamenti nell’arco della storia dell’edificio sono state le scale di accesso al piano primo del salone. Il Palazzo dei Trecento è suddiviso in due piani: al piano terra si trova la bellissima loggia; al piano superiore, invece, si apre il magnifico salone, illuminato da alcune trifore.

Internamente l’ampio salone presenta un soffitto a capriate in legno, mentre su tre dei quattro lati è visibile una fascia recante gli stemmi con i relativi nomi ed anno di nomina dei podestà che si sono susseguiti in Treviso nei secoli XIV e XV e da affreschi di varie epoche. Il salone è alto 12 metri, largo circa 20 metri, lungo 46 metri. La parete di fondo, la più ricca di decorazioni murarie, presenta nella zona centrale la Madonna con Bambino ed i Santi Liberale e Pietro. Poste lateralmente alle tre finestre sono ben visibili quattro figure femminili rappresentanti le quattro virtù cardinali, realizzate quasi certamente nella seconda metà del XVI secolo. Si possono poi notare, sopra le finestre laterali, due figure femminili che sorreggono gli stemmi di Treviso. Oggi il Palazzo dei Trecento è la sede del Consiglio Comunale di Treviso, oltre che di numerose esposizioni e mostre temporanee.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati