Cerca nel sito
montebello castello azzurrina fantasma visite

Torriana e il castello di Azzurrina

21 giugno: il Castello di Montebello celebra la ricorrenza della scomparsa di "Azzurrina", la bimba-fantasma che ancora fa parlare di sé. Visite guidate per tutta l'estate.

La Torre quadrata di Torriana
Wikimedia Commons
Era il 21 giugno del 1375 quando una bambina scomparve misteriosamente nel nevaio di una vecchia Fortezza. La bimba in questione era la figlia di tale Ugolinuccio o Uguccione, feudatario di Montebello e la Fortezza e l'attuale Castello di Montebello a Torriana, in Emilia Romagna. La bambina era albina e la madre pensò di modificare il colore bianco dai capelli tingendoli con pigmenti che nel tempo li fecero diventare azzurri. Da qui il soprannome di Azzurrina.

Storia e leggenda si incrociano in questa vicenda che tutt'ora rende il luogo avvolto nel mistero dal momento che il "fantasma" di Azzurrina pare abitare ancora lì. Fino a qualche anno fa, nell’antica sala da pranzo dei Conti Guidi di Bagno di Romagna, era persino concesso ai visitatori toccare l'originale tavolo di legno che, stando alle testimonianze, emetterebbe delle particolari vibrazioni di energia. Oggi non è più possibile toccare il mobilio ma in compenso attorno a questo tavolo vengono praticate sedute medianiche e psicometriche dai risultati sconvolgenti, a quanto pare, soprattutto nella data del 21 giugno. Motivo per cui  il 22 giugno  non saranno effettuate visite serali per lasciare spazio  al lavoro del Laboratorio di Ricerca Biopsicocibernetica.

LUOGHI STREGATI DA MAGNIFICHE PRESENZE

Suggestione o realtà? Lasciamo il beneficio del dubbio, tanto vale però testare personalmente se si è interessati e magari approfittare del periodo estivo per visitare il Castello con escursioni anche in notturna che vogliono dare la possibilità ai più scettici di avvicinarsi a dinamiche, fenomeni ed eventi anomali come il "caso Azzurrina". Durante la visita notturna si possono ascoltare le ultime registrazioni delle percezioni acustico-vocali di “Azzurrina” e vedere le ultime immagini raccolte dal Laboratorio Interdisciplinare di Ricerca Biopsicocibernetica. La visita diurna, invece, è più adatta a famiglie e a gruppi scolastici permettendo di compiere un affascinante viaggio attraverso 2000 anni di storia. Ai saloni dei pranzi e delle feste si affiancano ancora oggi la torre difensiva e le celle militari. All'interno numerosi pezzi d'arredo originali offrono una panoramica unica su circa 500 anni di storia del mobile italiano.

Per prenotazioni: 0541 675180 oppure 338 4893342 . Gli ingressi individuali non necessitano di prenotazione.

Prezzi:
Visita diurna: 7 euro
Visita notturna: 8 euro
Bambini dai 6 ai 10 anni: 3 euro
gratis fino all'età  di cinque anni
Gruppi e Scuole
6 euro a persona per gruppi diurni
7 euro a persona per gruppi notturni
5 euro a bambino per scuole ( insegnanti gratis )
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati