Cerca nel sito
Ravenna monumenti Patrimonio Unesco Mausoleo di Teodorico

Ravenna, cosa rende speciale il Mausoleo di Teodorico

E' la più celebre ed importante costruzione funeraria realizzata dagli Ostrogoti, inserita dall'Unesco nella lista dei siti italiani Patrimonio dell'Umanità.

Mausoleo di Teodorico
©iStockphoto
Monumenti di Ravenna: Mausoleo di Teodorico
Gli appassionati di storia sanno bene che Ravenna ospita alcune delle più emblematiche testimonianze del periodo del tardo Impero Romano. Un posto di primo piano tra i monumenti più importanti lo occupa il Mausoleo di Teodorico, la più celebre costruzione funeraria degli Ostrogoti, fatta costruire intorno al 520 da Teodorico il Grande come sua futura tomba. Inserito dall’Unesco nella lista dei siti italiani Patrimonio dell’Umanità, fa parte del circuito dei Monumenti paleocristiani di Ravenna.

Leggi anche: RAVENNA, COSA NASCONDE LA BASILICA DI SAN FRANCESCO

L’opera è interamente realizzata in blocchi di pietra d’Istria, una roccia calcarea microcristallina con bassa porosità e si articola in due ordini sovrapposti decagonali, con l’impostazione a pianta centrale che riprende la tipologia di altri mausolei romani come quello di Cecilia Metella. Sopra il mausoleo si innalza la grande cupola monolitica a forma di calotta coronata da dodici anse con le iscrizioni dei nomi di otto Apostoli e quattro Evangelisti, sua principale caratteristica anche per le misure sorprendenti con 230 tonnellate di peso, 10,76 metri di diametro ed un’altezza che supera i tre metri. Ancora oggi non si sa con certezza come sia stato possibile posizionare il monolite in cima alla costruzione: secondo alcuni studiosi esso è stato alzato sull’edificio man mano che veniva costruito, secondo altri è stata costruita una specie di piscina attorno al mausoleo che, con una particolare diga, una volta completato è stato arricchito del monolite trasportato fino alla cima con una zattera. Una nicchia porta all’ordine inferiore che doveva essere una cappella a pianta cruciforme dove originariamente venivano officiati i servizi liturgici.

Leggi anche: RAVENNA, LA CAPITALE DEL MOSAICO

Attraverso una piccola scala esterna si accede al vano superiore, dove è collocata una vasca di porfido che, presumibilmente, ospitava il corpo di Teodorico: le sue spoglie furono rimosse durante il dominio bizantino quando, con l’editto di Giustiniano del 561, il mausoleo fu trasformato in oratorio e consacrato al culto ortodosso. Altre particolarità che caratterizzano il mausoleo riguardano l’esterno, dove si trova una fascia decorativa con un motivo a tenaglia, l’unica testimonianza a Ravenna di una decorazione tipica dell’oreficeria gota invece che romano-bizantina e il fatto che, oltre a presentarsi con dettagli tipici della tradizione romana e gota è arricchito anche da dettagli siriaci nella cornice di coronamento particolarmente accentuata. 

Scopri tutti i MONUMENTI D’ITALIA
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati