Cerca nel sito
Sciacca Giardino Incantato Sicilia monumenti da visitare italia

Sicilia: cosa nasconde il Giardino Incantato delle Teste

A Sciacca, in località Sant’Antonio, sorge un giardino fuori dal comune che ospita centinaia di opere scultoree di volti di ogni dimensione

Teste del Giardino Incantato
©Sikania.it
Sicilia: teste del Giardino Incantato di Sciacca
Sciacca è una delle perle della Sicilia, ricca com’è di monumenti e chiese, forte della sua vocazione marinara e termale e celebre per il suo storico Carnevale oltre che per la ceramica. Ma c’è sempre tanto da scoprire in questa località in provincia di Agrigento: chi trova a passare in località Sant’Antonio, ad esempio, non può non rimanere colpito da un luogo molto particolare, che sorge alle falde del Monte Kronio. Si tratta di un giardino dove si possono ammirare centinaia di opere scultoree di volti, di ogni dimensione, ricavate dal tufo da Filippo Bentivegna, personaggio piuttosto particolare che nulla sapeva di arte e scultura. Nato a Sciacca nel 1888 e morto nel 1967, della sua vita si sa che emigrò in America sulle orme dei fratelli ma che li subì un grave trauma cranico e, dichiarato non sano di mente, venne rimpatriato in Italia.  

Leggi anche: LA SICILIA PIU' ROMANTICA IN 5 ITINERARI DI COPPIA 

Non essendo però ritenuto pericoloso per la comunità fu lasciato libero di acquistare un appezzamento terreno dove si ritirò per realizzare la sua grande opera. Con la sua vena naif ebbe l’ispirazione di estrarre il tufo direttamente dalla terra per scolpire solo teste, dando loro qualsiasi espressione: ecco allora comparire teste tristi, felici, enigmatiche, sorridenti, pensierose, arrabbiate, tutte però accomunate da uno sguardo perso nel nulla; testa accatastate, affiancate e bifronti, ritratte con espressività anche se lontane da qualunque padronanza tecnica ma nello stesso tempo inquietanti per la loro fissità e spesso raggruppate come in grappoli, quasi a voler ricordare presenze ancestrali sotto forma di Totem. Le teste, che arrivano ad essere circa 3000, si presentano tutte con una certa aria familiare, il che fa supporre, anche se sono del tutto immaginarie, che l’autore le indicava con molti nomi di personaggi del luogo, o di personalità storiche, battezzando alcune di esse con i nomi di Garibaldi, Mussolini, Hitler, Pirandello, Dante.

Leggi anche: SICILIA, I TESORI DELLA COLLINA DOVE E' SEPOLTO MINOSSE

Molte teste si presentano come in costruzioni, vagamente piramidali ma sinuose, che oggi sono sostituite da blocchi di cemento come fossero impilati, così che l’insieme appare come una formazione unitaria, la cui sagoma ricorda un po’ le muraglie del Parco Guell di Gaudì a Barcellona. Da queste piramidi occhieggiano i volti, ora arcigni, ora severi, ora stralunati delle sculture. Il Giardino Incantato e le sue teste ci appaiono oggi cosi conturbanti perché l’autore non è mai stato succube delle mode del tempo, dalle imposizioni o di un qualche insegnamento accademico, ma sono pregne di un linguaggio cosi carico di efficacia perché nate con spontaneità, essendo state lo scopo della vita del Bentivegna. Le sue opere sono state sistemate in una sorta di percorso espositivo che si conclude nella piccola casetta dove viveva isolato, e fissate alle strutture in pietra appositamente realizzate per accoglierle.
Scopri gli altri MONUMENTI D’ITALIA
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati