Cerca nel sito
Sardegna Castello della Fava di Posada

Sardegna, cosa rende speciale di Castello della Fava di Posada

Il Castello che sovrasta il borgo sardo offre scorci panoramici mozzafiato

Veduta di Posada
©iStockphoto
Posada, veduta panoramica con il Castello
Nella parte nord orientale della Sardegna, in Baronia, si trova un antico borgo che si erge su una rupe calcarea: è Posada, uno dei luoghi più suggestivi di questo tratto di costa, ricco com’è di storia, cultura e paesaggi mozzafiato. Non è un caso, infatti, che sia entrato a far parte del circuito dei Borghi più Belli d’Italia e sia stato insignito della Bandiera Arancione. Ai suoi piedi si estende il mare e alle sue spalle si può ammirare il Castello della Fava, cosi chiamato in seguito ad un episodio curioso.

Leggi anche: Sardegna, ispirazioni artistiche in 5 tappe

Leggenda narra che, intorno al 1300, una flotta di Turchi sbarcata sulle coste isolane pose sotto assedio Posada nell'intento di conquistarla per fame. Per ingannarli, nonostante le scorte di cibo fossero quasi del tutto esaurite, gli abitanti fecero mangiare l'ultima manciata di fave rimaste a un piccione, ferendolo leggermente. L’uccello durante il volo cadde nell'accampamento dei Turchi rivelando lo stomaco pieno di fave. Fu cosi che gli assedianti, sovrastimando le risorse alimentari degli isolani e convinti di non avere speranze, tolsero l'assedio e lasciarono definitivamente le coste dell’isola. La storia non è troppo distante dai reali fatti storici. Posada e la sua fortezza, costruita dai giudici di Gallura nel XIII secolo, furono vittime di incursioni dei pirati saraceni a partire dal XIV secolo. Ne è testimonianza anche l’assetto urbanistico del borgo medioevale, che si presenta come un labirinto di stretti vicoli e piazzette nascoste la cui architettura stessa richiama imboscate, assalti e fughe.

Scopri un altro luogo imperdibile della Sardegna

Il castello, realizzato con conci poco lavorati di pietrame misto, si articola in una cinta muraria di forma quadrangolare non regolare all'interno della quale si trovano una torre a pianta quadrata, con coronamento merlato, e una serie di cisterne. Dall’alto si può ammirare un panorama che abbraccia la Valle del Rio Posada fino alle spiagge intorno alla borgata marina di San Giovanni di Posada. La storia del castello vede anche diverse contese, essendo situato in una terra di confine. Nel 1380 finì nelle mani degli aragonesi per poi tornare agli arborensi sotto il comando di Brancaleone Doria. E’ più probabile che sia stato dimora di giudici piuttosto che presidio militare, nonostante all’epoca Posada fosse un importante centro. Tutto fa supporre che fosse costruito come sede residenziale turistica. 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Sardegna
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100