Cerca nel sito
San Salvatore di Sinis Sardegna villaggio

San Salvatore: in Sardegna il piccolo Far West italiano

San Salvatore di Sinis è un villaggio che ha fatto da ambientazione a molti ‘spaghetti western’ del cinema italiano

Villaggio Sardegna<br>
istockphotos
La piazzetta di San Salvatore
C’è un piccolissimo paese vicino alla costa occidentale sarda, accanto alla meravigliosa penisola del Sinis, a pochi chilometri da Cabras (provincia di Oristano), che vi farà fare un tuffo nel tempo e nello spazio: San Salvatore di Sinis è quanto di più vicino al Far West esista in Italia, e non a caso è stato lo scenario di numerosi ‘spaghetti western’ dei tempi d’oro. Il borgo è scarsamente abitato, e fino agli anni ’90 la sua conformazione era ancora più western di quanto lo sia oggi, con tanto di saloon con porte in legno, ma di certo non è un luogo dove la ‘modernizzazione’ ha inciso in maniera evidente.

LEGGI TUTTI I CONSIGLI PER IL WEEKEND DI TURISMO.IT

Una schiera di casette basse realizzate in arenaria o terra cruda, di forma cubica, si snodano tra le poche viuzze in terra battuta, che conducono ad una piazzetta con la chiesa di fronte alla quale è difficile non immaginare una sfida tra pistoleri, con i cavalli legati alle barre di legno sotto i porticati. La piccola frazione ha origini antiche, sotto la chiesa si trova infatti un santuario pagano di origine nuragica, divenuto poi tempio romano, nel quale sono state rinvenute iscrizioni in arabo risalenti al periodo medievale in cui i saraceni facevano frequenti incursioni. Il borgo si evolvette come centro religioso durante il medioevo, ma è nel dopoguerra che cominciò a prendere le sembianze di un paesino messicano, tanto da diventare una delle location predilette dei film western degli anni Sessanta e Settanta. In parte il suo aspetto fu pilotato (il sopra citato saloon per esempio, oggi non più visibile) da una compagnia privata interessata a renderlo una piccola scenografia all’aperto, ma l’impianto architettonico di San Salvatore già si prestava egregiamente all’ambientazione del ‘selvaggio west’.

SCOPRI I PIU' INTERESSANTI MONUMENTI ITALIANI

I borgo costituisce un’interessante deviazione dalla Sardegna costiera (anche se si trova a pochissimi chilometri dal mare), ma non è solo la sua architettura a rendere San Salvatore particolare. La prima domenica di settembre è la festa del patrono locale, e il sabato precedente si cominciano i festeggiamenti con la famosa Corsa degli Scalzi: una processione in cui i fedeli trasportano da Cabras al borgo la statua di San Salvatore, un percorso di 7 chilometri fatto di corsa e a piedi scalzi. La sera della domenica, il simulacro ritorna, sempre di corsa, alla chiesa di Santa Maria a Cabras fino all’anno successivo.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Sardegna
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100