Cerca nel sito
Roma chiesa precordi Trevi

Roma, in questa chiesa ci sono le 'sacre budella'

I precordi dei papi, ovvero le loro interiora, venivano custodite nella chiesa che sorge in una delle piazze più famose del mondo

Fontana di Trevi
istockphotos
Piazza della Fontana di Trevi
La pittoresca piazza nella quale è incastonata la celeberrima Fontana di Trevi, a Roma, tutto evoca tranne il macabro. E invece a due passi dalla fontana più famosa del mondo si trova una chiesa che custodisce un segreto poco noto ai più, e che dona una nota raccapricciante al contesto. Si chiama chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio in Trevi, ma la colorita parlata romanesca, che certo non teme di essere dissacrante, l’ha definita in tanti altri modi. (A tal proposito, scopri anche la storia delle statue parlanti di Roma)

Chiesa delle corate’, ‘chiesa delle frattaje’, e anche il poeta Gioacchino Belli la definì ‘museo de corate e de ciorcielli’ in un sonetto dedicato. Per chi non conoscesse il romanesco, tutte queste locuzioni si rifanno agli organi interni, alle interiora. Perché? In questa chiesa si conservano infatti i precordi, ovvero gli organi interni dei papi. La ragione deriva dall’usanza di imbalsamare i capi della chiesa dopo la loro morte. Ma gli organi facilmente decomponibili non potevano far parte del processo: ecco che una volta asportati, venivano riposti in un’urna, e diventavano i ‘precordi’. Per secoli questi contenitori con cuori, intestini e fegati vennero portati presso la chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio e lì custoditi.



Solo nel 1900, con Pio X, questa pratica si interruppe. E dunque in quella che un tempo era Parrocchia Pontificia del Quirinale (il palazzo che oggi è sede del Presidente della Repubblica si trova a due passi, e un tempo era la residenza papale) si cominciarono ad accumulare gli organi interni dei capi della Chiesa. Sono 23 i papi di cui si conservano i precordi nella chiesa accanto alla Fontana di Trevi: due lapidi marmoree all’interno della chiesa portano incisi i loro nomi. Il primo è Sisto V (fine del ‘500) e l’ultimo è Leone XIII (inizi del ‘900): per quattro secoli, dunque, questa parrocchia è stata il singolare luogo di sepoltura di viscere papali.

Le ‘sacre budella’, altro epiteto canzonatorio usato dal linguaggio popolare, sono custodite in una cappella sotto l’altare maggiore, all’interno di contenitori in pietra. Il vano purtroppo non è visitabile, ma continua a rendere la storia di questo luogo di culto curiosa e suggestiva. La chiesa si nota facilmente- se non si è troppo rapiti dalla bellezza della Fontana di Trevi, naturalmente - perché ha una peculiare facciata con molte colonne seicentesche disposte sue due piani. Rispetto alla struttura originale, che era una cappella piuttosto modesta, negli anni la chiesa è stata ampliata e decorata:  tutte queste colonne le hanno valso l'ennesimo soprannome, cioè ‘canneto’.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lazio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati