Cerca nel sito
Il Mausoleo di Boemondo a Canosa monumenti puglia

Puglia: Canosa, cosa nasconde il Mausoleo del Crociato

Il monumento funerario dell'eroe normanno Marco Boemondo d'Altavilla ci riporta alla Prima Crociata

Mausoleo di Boemondo
©Di MM - Opera propria, Pubblico dominio, Wikimedia Commons
Canosa, tomba di Boemondo d'Altavilla
Sul margine nord occidentale dell’altopiano delle Murge, Canosa sta a dominare l’estesa pianura del Tavoliere delle Puglie. E’ considerata una dei principali centri archeologici della regione, con gli ipogei che ospitano tre tombe di età ellenistica, il Palazzo Casieri dove trova sede il Museo Civico che conserva numerosi reperti e le rovine romane appena fuori dall’abitato. Tra le altre interessanti attrazioni un ruolo predominante lo gioca la Cattedrale di San Sabino con il suo grandioso interno basilicale che custodisce il pergamo e il trono vescovile.

Leggi anche: PUGLIA, IN MASSERIA TRA ULIVI SECOLARI

Accessibile dalla Cattedrale si trova la Tomba di Boemondo d’Altavilla, il monumento funerario dell’eroe normanno della I Crociata, principe di Antiochia. Addossato al muro esterno del braccio destro del transetto della Cattedrale, fu eretto dopo il 1111, anno della morte di Boemondo. Per la struttura esterna i progettisti si ispirarono alle esperienze crociate di Boemondo: il mausoleo, infatti, ricorda molto da vicino il tempietto sovrastante il Santo Sepolcro di Gerusalemme. L'edificio è diviso in due parti: quella superiore è caratterizzata da un tamburo poligonale oggi coperto da una cupoletta emisferica; quella del corpo del monumento è di forma quadrangolare, con una piccola abside a destra, rivestito di lastre di marmo greco di reimpiego e scandito da arcatelle cieche e lesene.

Leggi anche: PUGLIA IN VESTE ARTIGIANALE: LE 5 TAPPE DA NON PERDERE

L'ingresso è chiuso da una bellissima porta in bronzo a due imposte asimmetriche, opera di Ruggero da Melfi, con incisioni di esponenti della famiglia d'Altavilla e ornamenti orientaleggianti. Nel semplice e nudo interno emergono due colonne con capitelli scolpiti che reggono gli archi, su cui s'imposta la cupoletta a pennacchi; nel pavimento si ammira la lastra tombale con la scritta Boamundus. Questa straordinaria cappella di Canosa che può dirsi "mezzo araba e mezzo pisana” come scrisse lo storico dell'arte Cesare Brandi, è meta di studiosi e turisti che provengono da ogni parte del mondo. Sono soprattutto turisti tedeschi, francesi e del nord Europa che arrivano alla ricerca delle loro radici e della loro storia. Completamente rivestito in marmo, il mausoleo è un caratteristico esempio, unico in Occidente, di ispirazione islamica che riproduce dal punto di vista architettonico il Santo Sepolcro di Gerusalemme. Canosa annovera la tomba di Boemondo tra le sue meraviglie architettoniche che vale la pena riscoprire perché troppo a lungo è stata snobbata o sottovalutata. Invece, per alcuni studiosi, segna addirittura l’atto di nascita del Romanico in Puglia. 

Scopri tutti i MONUMENTI D’ITALIA
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati