Cerca nel sito
Venafro monumenti Chiesa dell'Annunziata

Molise, cosa rende speciale la Chiesa dell'Annunziata di Venafro

E' considerata la chiesa barocca più bella del Molise e custodisce un busto molto caro agli abitanti

Cupola dell'Annunziata a Venafro
©iStockphoto
Venafro, veduta dall'alto
La città di Venafro, in provincia di Isernia, vanta origini molto antiche. Per chi arriva in Molise da ovest è la porta di ingresso alla regione ed è ricca di attrazioni storico artistiche. Il borgo, circondato da mura, trova il suo punto più alto nel Castello Pandone, di origine longobarda, dove ha trovato sede il Museo Nazionale del Molise. Venafro è anche conosciuta come la Città delle 33 chiese per il gran numero di edifici religiosi, tra cui si distinguono la Concattedrale di Santa Maria Assunta, risalente al V secolo ed eretta ai piedi del Parco Oraziano, e la Chiesa dell’Annunziata, uno dei migliori esempi di architettura barocca dell’intera regione.

Leggi anche: Isernia, cosa rende speciale la Cattedrale di San Pietro Apostolo

Costruita nel Trecento dalla "Confraterna dei Flagellanti", quest'ultima venne edificata con il materiale recuperato dal vicino teatro romano. Nel corso dei secoli subì diversi rimaneggiamenti. Inizialmente aveva una facciata a capanna e nel 1519 avvenne un primo ampliamento, con le mura perimetrali che furono alzate, la tettoia ricostruita e, internamente, la presenza di cinque cappelle, tre finestre, e la zona dell’organo ristrutturata. Durante un successivo intervento, nel 1641, la chiesa assunse l’aspetto barocco. Anche la facciata conserva tutti i segni dell'evoluzione che il monumento ha avuto nel tempo e si presenta con una sovrapposizione di diversi stili. La torre campanaria appartiene alla seconda metà del Settecento ed è costituita da gradini di dimensione decrescente a salire.

In Molise scopri anche San Pietro Avellana

All’interno, ad un'unica navata, si può ammirare un Crocefisso del XIV secolo, una tavola cinquecentesca raffigurante Santa Caterina, una "Madonna e Santi", e pregevoli affreschi settecenteschi di due artisti napoletani allievi di Vanvitelli. La cupola ha un notevole disegno architettonico ed è stata eseguita con particolare raffinatezza: risale alla prima metà del XVII secolo ed è considerata la cupola più bella della regione. Per i venafrani la Chiesa dell’Annunziata è particolarmente importante perché legata alla presenza fisica del Busto di San Nicandro, che si trova in una nicchia in fondo a sinistra della navata. E’ proprio dall’Annunziata che iniziano e terminano tutte le manifestazioni religiose legate al Santo a partire dalla processione del 17 maggio per finire alla lunga processione serale del 18 giugno.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Molise
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati