Cerca nel sito
Le Albere MUSE Trento Renzo Piano

Le Albere, la nuova area green di Trento

L’ex zona industriale alla periferia del capoluogo trentino ha cambiato volto grazie al progetto di Renzo Piano

Museo delle Scienze<br>
Ph. Alessandro Gadotti – Archivio Trento Futura
Il MUSE - Museo delle Scienze
Preistoria e contemporaneità. Dinosauri e architettura. Formazioni geologiche e tecnologie all’avanguardia. Natura ed edilizia. Si intersecano tutti questi elementi e molto altro nel nuovo quartiere di Trento formato da Le Albere, complesso residenziale, e il MUSE, Museo delle Scienze. Un nuovo polo di attrazione per i visitatori che porta la firma di Renzo Piano, in cui convivono due anime che si sposano perfettamente. La scelta di creare un quartiere ecosostenibile nel quale erigere un museo di scienze naturali e delle residenze a bassissimo impatto ambientale appare come un omaggio alla natura stessa del Trentino Alto Adige, regione che vanta mille e più motivi per essere visitata. Ed oggi il suo bellissimo capoluogo, Trento, ne ha uno in più.

Il quartiere sorge in un’ex zona industriale che si trova in un’area un tempo scollata dal centro storico, oggi ricucita al tessuto urbano grazie a nuovi accessi viabili, e che, da zona marginale quale era, è divenuta fulcro di diverse attività. Residenze, uffici, negozi, museo ma soprattutto una grande area verde, che sfuma tra città e natura, è oggi un luogo di incontro, di relax, di fruizione dello spazio pubblico. Dopo aver visitato il centro storico di Trento, fare un tuffo nella modernità è un’esperienza sorprendente: ci vuole un attimo ad abituarsi al passaggio dalla cinquecentesca piazza Duomo al contemporaneo quartiere de Le Albere, ma giusto il tempo di riadattare vista e cervello e arriva l’incanto.


Le residenze. Courtesy of RPBW. Foto Enrico Cano

Gli edifici residenziali abbondano nei richiami alla natura grazie all’ampio uso del legno, ben visibile nelle lunghe travi protagoniste delle facciate principali, e alle tinteggiature verde erba, che uniscono le strutture al parco circostante in una sorta di continuum cromatico, effetto accentuato dal sistema di canali e piccole piscinette che richiamano il fiume Adige a pochi metri di distanza. Meno visibile il carattere ecosostenibile di queste abitazioni, dotate di impianti a riduzione delle emissioni, altissimi livelli di coibentazione, uso dell’energia fotovoltaica, di risparmio idrico. Il tutto affacciato su 5 ettari di parco pubblico, con aree di prato e zone ombreggiate, alberi di media altezza ed esemplari monumentali (già presenti), canali d’acqua e il MUSE sullo sfondo, vero gioiello che va a completare il paesaggio.

Il Museo della Scienza adiacente alle residenze da un lato e al Palazzo delle Albere dall’altro (villa-fortezza del 16esimo secolo) si erge nel parco con la sua particolare struttura che richiama le cime delle montagne, vere protagoniste del percorso espositivo -e del Trentino in toto. Un progetto culturale e scientifico che combacia perfettamente con l’interpretazione dei volumi architettonici: il percorso parte dalla cima, sezione dedicata a ghiacciai e picchi innevati, fino a giungere, un piano dopo l’altro come se si discendesse dalla sommità alla valle, fino al giardino tropicale seminterrato, termine dell’esposizione. Nel mezzo animali, vegetali, rocce, preistorici abitanti delle montagne si avvicendano in successione grazie agli spazi pieni e vuoti che si alternano.

Il MUSE è aperto tutti i giorni escluso il lunedì, ma se lo visitate non mancate di fare una passeggiata tra Le Albere e il parco adiacente, per scoprire il piacere di camminare in una periferia rinnovata grazie ad un’architettura che ha saputo valorizzare il territorio.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati