Cerca nel sito
Grotta di Selvascura Templari Bassiano

Latina, nella Grotta dei Templari

La Grotta di Selvascura custodisce un passato misterioso  

Immagine medievale
istockphotos
Templari
Le grotte sono misteriose per antonomasia. Oscuri accessi al ventre della terra, rifugi segreti, bui nascondigli di cui si vede l’inizio, ma non la fine. Ce n’è una, in provincia di Latina, particolarmente affascinante, perché all’iconico mistero delle cavità naturali aggiunge una parte di storia non sempre del tutto chiara. Si tratta della Grotta di Selvascura o Selva Oscura, ma a molti è nota come ‘Grotta dei Templari’.

Si trova a pochi chilometri dal suggestivo borgo medievale di Bassiano, non lontano dal più celebre centro di Sermoneta. Per accedervi, occorre recarsi presso il Santuario del Crocifisso, un pittoresco complesso immerso nella natura che a partire dal XIV ospitò i Fraticelli spirituali Francescani, separatisi dal loro ordine. Ma, oltre a loro, la ‘storia’ narra che si insediarono in questo luogo, all’epoca poco più che un eremo, alcuni Cavalieri Templari. A poca distanza si trova l’abbazia di Valvisciolo, uno dei supposti ‘luoghi dei Templari’ più iconici in Italia, ed è da lì che alcuni membri dell’ordine monastico-cavalleresco si sarebbero spostati verso la più segreta località di Selvascura.

Particolarità della grotta è che i monaci l’hanno completamente affrescata, rendendola un luogo di forte suggestione. Divenuta un luogo di culto, vi si accede attraverso una scalinata che sfoggia un affresco con San Bartolomeo eremita, completamente nudo e con lunghi capelli e barba a coprirlo. Dopo aver attraversato un piccolo corridoio si giunge ad una cappella, quindi si prosegue attraverso un corridoio fino ad arrivare alla grotta vera e propria, le cui pareti sono completamente affrescate. Il colpo d’occhio, il contrasto tra le gocciolanti stalattiti, le sporgenze rocciose e le opere d’arte (negli anni restaurate, ma in origine databili al XIV e XV secolo) è notevole, e rende il luogo unico nel suo genere.

Non sono tuttavia chiari i motivi della presenza dei due ordini religiosi, e del perché ebbero necessità di rifugiarsi in questo angolo remoto del Lazio. Ma d’altronde tutta la storia dei Templari è tutta avvolta in leggende e misteri (spesso anche mistificazioni storiche), ed è anche per questo che rimane così affascinante.

Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lazio
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100