Cerca nel sito
Villa Imperiale di Giulia Ventotene

La Villa di Giulia, prigione dorata delle donne ribelli

In questo angolo di paradiso venivano esiliate le donne romane colpevoli di 'trasgressioni'. Vere o presunte

Ventotene Villa Giulia
Istockphotos
I resti della Villa Imperiale di Giulia
C’è un luogo sull'isola di Ventotene che può trarre in inganno. I resti di un’antica villa romana, la cui posizione, dimensione, fattezza potrebbero far pensare ad una dimora idilliaca, un vero angolo di paradiso, lussuoso e speciale. Sicuramente all’inizio era questo lo scopo della Villa di Giulia, ma le vicissitudini di cui è stata scenario l’hanno resa più un carcere che un luogo di sollazzo. Una prigione dorata. La villa imperiale si trova a Punta Eolo, da dove sovrasta lo splendido mare che circonda Ventotene, ed è quei che Giulia, figlia dell’imperatore Augusto, fu mandata in esilio per 5 lunghi anni. Dopo di lei, la stessa sorte toccò ad altre donne delle famiglia Julia e Claudia: Agrippina Maggiore (figlia di Giulia), Livilla, Ottavia (la moglie di Nerone), Flavia Domitilla.

LEGGI ANCHE: VILLA ADRIANA, LA DIMORA IMPERIALE PIU' VISITATA


 
Tutte colpevoli di essersi ‘ribellate’ in qualche modo ai dettami imperiali, di aver trasgredito – colpe vere o presunte. Giulia aveva una condotta pubblica ‘impropria’, affermano alcuni storici. Era una donna libera, emancipata, forse troppo per i costumi dell’epoca, affermano altri. Una figura controversa e affascinante in ogni caso, a cui la gestione politica della famiglia non ha affatto giovato. E’ vissuta nel lusso, anche in questo primo esilio (durante il secondo, a Reggio Calabria, morirà di stenti), ma è stata usata come una pedina sullo scacchiere della politica imperiale.

LEGGI ANCHE:STABIA, DOVE GLI ANTICHI ROMANI ANDAVANO IN VACANZA
 
La triste sorte di Giulia, incolpata di aver tramato una congiura contro il padre, e di tutte le donne ‘ribelli’ qui esiliate, si può leggere attraverso i resti della villa imperiale di Ventotene. Costruita come dimora vacanziera dell’imperatore, dotata quindi di tutti i comfort, di una vista mozzafiato all’estremità settentrionale dell’Isola, era una residenza enorme, con piscine interne e ninfei, un anfiteatro, una discesa al mare privata. Se ne possono riconoscere ancora oggi i corridoi, i cortili, le stanze, le cucine, le cisterne, i giardini. E soprattutto le antiche terme. L’isolamento che l’imperatore aveva scelto per il suo otium è diventato la prigione dorata di sua figlia e delle sue eredi. Per visitare la Villa di Giulia consultate il sito amoventotene.it.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lazio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati