Cerca nel sito
Torino Porta Nuova Sala Gonin

La sala segreta di Torino Porta Nuova

All'interno della stazione torinese è celato un gioiello artistico ed architettonico inaccessibile

Torino
istockphotos
Torino Porta Nuova
Nascosta al pubblico, custodita come un gioiello in uno scrigno segreto, all’interno della stazione di Torino Porta Nuova si trova una stanza sconosciuta ai più, nella quale è possibile accedere solo in occasione di eventi speciali. Si chiama Sala Gonin, ed era la sala d’attesa di passeggeri di primissima classe, come la famiglia reale. Un ambiente riccamente decorato, splendido esempio di architettura ottocentesca, che rimane chiuso sotto chiave per la maggior parte dell’anno, tanto che moltissimi torinesi non sanno nemmeno che esiste.
 
Sala Gonin si trova sul versante di Via Nizza, ed è visitabile solo in occasione delle Giornate FAI (l’ultima è stata il 20 marzo). Progettata su richiesta di Casa Savoia nel 1861, è frutto dell’ingegno di Alessandro Mazzuchetti – una sorta di ‘archistar’ dell’epoca, già autore di diverse grandi stazioni dell’Italia settentrionale. Qui la famiglia reale poteva attendere il loro convoglio lontano da sguardi indiscreti, ma naturalmente la loro sala d’attesa non poteva che essere fastosa ed accogliente. Ecco che furono richiesti i servigi del pittore torinese Francesco Gonin per abbellirla nel 1964. Egli realizzò tre grandi dipinti raffiguranti scene mitologiche, che ancora oggi adornano la parete centrale e due laterali. Si tratta di allegorie della Terra, dell’Acqua e del Fuoco. I tre affreschi sono incorniciati da fregi intagliati con festoni di putti e composizioni di frutta, realizzati dall’artista Pasquale Orsi. Lo stesso che progettò i mobili intarsiati che arredano la sala. Gli eleganti stucchi sono invece opera di Pietro Isella. Mentre sul soffitto capeggia un lampadario in vetro di murano. 
 
Fu Gonin stesso a restaurare gli affreschi 20 anni dopo, con un intervento che rinforzò il colore. Ne seguirono altri, anche quando la sala cadde in disuso. Lo spazio è tutt’oggi splendido, ma sembrano non esserci intenzioni di aprirlo al pubblico, salvo durante eventi eccezionali. Sala Gonin è un gioiello segreto che tale deve rimanere. 
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Piemonte
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100