Cerca nel sito
Italia monumenti Santuario Madonna Corona Verona

In Veneto uno dei santuari più estremi d'Italia

Madonna della Corona, un luogo sacro a strapiombo sulla parete del Monte Baldo

Monte Baldo Santuario
istockphotos
Il Santuario di Madonna della Corona
Sicuramente avete presente quei monasteri abbarbicati sulle rocce in Buthan. O in Grecia, con strutture che poggiano su speroni rocciosi dando una sensazione di precarietà da brividi. Ebbene, se vi affascinano le architetture estreme, gli eremi da ‘brivido’, non c’è bisogno di andare all’estero: l’Italia ne vanta alcuni davvero suggestivi, tra cui il Santuario di Madonna della Corona, in provincia di Verona (in località Spiazzi). 
 
A vederlo è davvero mozzafiato, perché si trova in perfetta verticalità adiacente alla parete rocciosa del Monte Baldo. Naturalmente il percorso per arrivarci è altrettanto panoramico, anche se non da tutti. Il dislivello è notevole (circa 600 metri), a tratti occorre reggersi ad un cordolo di ferro, e si conclude con una lunga e ripida scalinata: non a caso, si chiama Sentiero della Speranza. Il Santuario di Madonna della Corona sembra fluttuare nel vuoto, a 774 metri d’altezza su uno strapiombo, ma naturalmente è ben ancorato alla roccia sin dal 1522, anno nel quale le fonti storiche attestano la sua edificazione. Tuttavia  esistono documenti che testimoniano come già nel 1200 vi fossero eremiti che vivevano tra le pareti rocciose del Monte Baldo. Nei secoli il piccolo eremo divenne una chiesa, e quindi un santuario di notevoli dimensioni, anche grazie all’allargamento del sentiero e alla costruzione di gradinate che resero più facile raggiungerlo.
 
Si tratta di un luogo decisamente pittoresco, ma anche mistico, pervaso da un’estrema sensazione di pace. Immerso nella natura, lontano dai rumori della ‘modernità’, meraviglioso dal punto di vista artistico oltre che architettonico. Oggi un vero e proprio complesso, il cui corpo principale è la chiesa dalla facciata gotica, il santuario vanta numerose opere scultoree di prestigio, alcune visibili durante l’ascesa lungo il sentiero. Inoltre, la parete destra del santuario è talmente ricca di ex-voto, alcuni molto antichi, da costituire un piccolo patrimonio storico a sé. Una meta davvero suggestiva e pittoresca per chi ama le escursioni nella natura e la contemplazione di luoghi ‘estremi’, insoliti e mozzafiato. 

Scopri anche: San Zeno di Montagna, il balcone del Lago di Garda
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100