Cerca nel sito
Milano CityLife grattacieli Tre Torri

Il nuovo skyline di Milano punta in alto 

Il Dritto, Lo Storto e Il Curvo: i nuovi protagonisti di Milano. 3 grattacieli firmati da 3 grandi architetti

Progetto Tre Torri Milano<br>
CityLife
Il rendering delle Tre Torri
Da un po’ di tempo a questa parte Milano sta cambiando il suo aspetto, probabilmente con più velocità di qualsiasi altra città italiana. Proiettata verso le grandi metropoli europee, nel capoluogo meneghino sorgono nuovi quartieri che guardano al futuro, e innalzano lo skyline cittadino con un’impennata – forse non repentina, ma costante ed evidente. Rientrano pienamente nel restyling urbano della città Il Dritto, Lo Storto e Il Curvo, 3 soprannomi per 3 grattacieli firmati da altrettante archistar, chiamate a disegnare l’estetica di CityLife, progetto di riqualificazione del quartiere storico della Fiera Campionaria.

Il progetto, varato nel 2004, avrebbe dovuto concludersi prima di Expo 2015 ma - e in questo più che all’Europa si guarda all’Italia tristemente proverbiale - ritardi di ogni genere accumulati hanno spostato la previsione di fine lavori al 2023. Tornando ai grattacieli, i loro veri nomi sono la Torre Isozaki, progettata da Arata Isozaki, la Torre Libeskind, di Daniel Libeskind, e la Torre Hadid, firmata Zaha Hadid. L’impatto visivo dei 3 edifici sarà forte, considerando sia la loro altezza che la forma.

Il progetto di Isozaki, soprannominato Il Dritto, realizzato in collaborazione con Andrea Maffei, è una torre alta 207 metri per 50 piani (il secondo edificio più alto in Italia dopo la Torre Unicredit, sempre a Milano), e di caratterizza per la forma dritta e affusolata, mentre l’interno estremamente luminoso consente la realizzazione di grandi spazi panoramici, principalmente destinati ad uffici. E’ l’unico dei tre grattacieli già completato e attualmente in fase di collaudo. La torre progettata da Zaha Hadid è un edificio dalla forma ‘attorcigliata’, e per questo nominata Lo Storto. Si tratta di un palazzo di 170 metri per 44 piani, e il suo dinamico movimento di torsione la identifica pienamente con le forme curve che l’archistar anglo-irachena imprime ai suoi progetti. Infine la Torre Libeskind, 175 metri per 31 piani, sarà Il Curvo, e si caratterizzerà per la forma curvata che la renderà riconoscibile in tutto il mondo una volta completata. Concepita come parte di una ‘sfera’ che abbraccia la sottostante Piazza Tre Torri (anche la fermata della metropolitana si chiama Tre Torri) non vi è ancora certezza su cosa ospiterà, ma sicuramente andrà a completare un quadro di modernizzazione di Milano che lancerà il capoluogo lombardo dritto dritto tra le più futuristiche città europee.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lombardia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100